AnZa, design Montaag
AnZa, design Montaag
AnZa, design Montaag
AnZa, design Montaag
AnZa, design Montaag
AnZa, design Montaag
Products

Caffè brutalista

Dopo lo speaker senza fili è il turno della macchina da caffè in calcestruzzo. L’idea nasce a Berkley, in California, a partire da una riflessione sullo stato attuale del design applicato all’universo del caffè. Artefice del progetto è lo studio creativo Montaag in collaborazione con un’officina di riparazione locale, che dopo quattro anni di test e revisioni ha presentato il primo prototipo di AnZa.

«Stranamente c’è poca creatività nel mondo delle macchine da caffè, soprattutto se teniamo conto dei progressi fatti nell’architettura di interni e nell’ambito degli elettrodomestici presenti in cucina», spiega Per Ivar Selvaag, direttore di Montaag. «Il progetto ha preso vita dalla nostra passione per il buon caffè e dalla noia per le tradizionali macchine da caffè in commercio, l'obiettivo è portare una dose di novità in cucina».

AnZa si configura come un parallelepipedo in cemento di forte impatto visivo caratterizzato da dettagli in acciaio, ottone e ceramica. Il risultato non è una semplice macchina da caffè ma una vera opera scultorea. Accanto alla versione in calcestruzzo, Montaag ha realizzato anche un’elegante alternativa in Corian bianco, anch’essa dotata di integrazione IoT e connettività da remoto che ne consente la programmazione in base alle proprie abitudini.

Per acquistarla bisognerà aspettare un po’: durante il mese di agosto verrà lanciata una campagna di raccolta fondi su Kickstarter per dare inizio alla produzione, con ogni probabilità AnZa sarà disponibile a partire dal 2018. Nel frattempo, se passate da Londra potete vederne una dal vivo presso il concept store Selfridges.