La riedizione della Metropolitan Chair in una combinazione di legno e pelle - Credits: Carl Hansen & Son
Products

La nuova edizione della Metropolitan Chair di Carl Hansen & Son

Una raffinata combinazione di legno e pelle dà nuova vita alla Metropolitan Chair, l’iconica seduta nata nel 1949 dalla matita dei designer danesi Ejner Larsen e Aksel Bender Madsen, dal 2014 parte della collezione Carl Hansen & Son.

«Si tratta di una sedia speciale. Le sue forme, pensate idealmente per i bisogni di un pubblico moderno, risultano ancora più distintive con lo schienale in legno», racconta Knud Erik Hansen, CEO dell’azienda danese.

In principio la Metropolitan Chair fu concepita come sedia da conferenza. Vide la luce per la prima volta nel 1949 in occasione della Copenhagen Cabinetmakers’ Guild Furniture Exhibition in una versione con seduta e schienale in legno, per poi riapparire 10 anni dopo completamente rivestita in pelle.

Ne venne anche realizzata una variante con seduta in pelle e schienale impiallacciato: due materiali che oggi vengono nuovamente riuniti in un progetto di estrema raffinatezza.

«Grazie alla sua eleganza e a un comfort eccellente, questa sedia costituisce un’ottima scelta per la sala da pranzo o per l’uso in conferenze e riunioni. Si adatta molto bene anche come sedia per gli ospiti in ufficio o semplicemente quale elemento scultoreo da collocare nelle proprie abitazioni», aggiunge Knud Erik Hansen.

A partire da ottobre, la nuova Metropolitan Chair sarà disponibile con schienale impiallacciato in quercia o noce in diverse finiture e con seduta in pelle, oppure con schienale e seduta completamente rivestiti in cuoio, cognac o nero.

Credits: Carl Hansen & Son
In origine fu concepita come sedia da conferenza - Credits: Carl Hansen & Son
Credits: Carl Hansen & Son
Metropolitan Chair deve il suo nome all'interesse suscitato in occasione dell'esposizione ‘The Arts of Denmark’ del 1960 presso il Metropolitan Museum of Art di New York - Credits: Carl Hansen & Son
Ejner Larsen e Aksel Bender Madsen, autori della Metropolitan Chair - Credits: Carl Hansen & Son
News
Unopiù a Milano
Places
Pasticceria Marchesi: il nuovo spazio in Galleria Vittorio Emanuele
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento