La nuova Nike Free Rn 5.0
La nuova Nike Free Rn 5.0
La nuova Nike Free Rn 5.0
La nuova Nike Free Rn 5.0
La nuova Nike Free Rn 3.0
La nuova Nike Free Rn 3.0
La nuova Nike Free Rn 3.0
La nuova Nike Free Rn 5.0
Uno sketch di Nike Free
Uno sketch di Nike Free
Uno sketch di Nike Free
Products

Nike Free, la scarpa da running modellata sul piede

Alessandro Mitola

Sono i primi anni 2000. I ricercatori di casa Nike, dopo aver osservato la squadra di atletica dell’Università di Stanford, solita correre a piedi nudi durante gli allenamenti, si riunisce per mettere a confronto le proprie conoscenze. Obiettivo: indagare l’aspetto scientifico di questa pratica.

Arrivano i primi risultati. Primo: i runner che corrono a piedi nudi sull'erba hanno un passo più neutro. Secondo: la corsa a piedi nudi coinvolge un maggior numero di muscoli del piede e della caviglia. Terzo: la corsa a piedi nudi, nel tempo, migliora l'equilibrio generale, nonché la forza e la flessibilità del piede. A fronte dei risultati, nel 2004 il Design Team mette a punto Nike Free, una scarpa disegnata per consentire al piede di muoversi in modo più naturale rispetto alle calzature tradizionali, concepita principalmente per le alle corse a chilometraggio ridotto.

Oggi, a distanza di 15 anni, il marchio di Beaverton torna con una doppia versione aggiornata, Nike Free RN 5.0 e Nike Free RN Flyknit 3.0. «Il nostro obiettivo è stato quello di riportare Nike Free alle origini», spiega Ernest Kim, Director of Advanced Footwear Innovation. «Abbiamo implementato diversi elementi progettuali, dalle stringhe al peso, fino a una maggiore flessibilità sul tallone. È una scarpa che suggerisce dinamicità e movimento anche quando è ferma». «Nike Free è un progetto rivoluzionario», aggiunge Tobie Hatfield, Athlete Innovation Director and Senior Engineer for Advanced Products. «Il piede è il primo elemento del nostro corpo a toccare il terreno, durante una sessione sportiva indossare la scarpa appropriata è la chiave del successo».

Il design di Nike Free si contraddistingue per la silhouette anatomica con tomaia in Flyknit rinforzata, dove l’intersuola a basso profilo consente al piede di interagire con il suolo a ogni passo. Intersuola che presenta una serie di lamelle disposte lungo la parte superiore dell'intersuola (oltre alla parte inferiore) per aumentare il movimento di flessione del dorso e del plantare. Se paragonata ai modelli dell’anno precedente, Nike Free Rn 5.0 offre il 26% di flessibilità in più, e Nike Free Rn Flyknit 3.0, che ne fornisce il 37% in più, garantisce maggiore flessibilità. Entrambe saranno disponibili per l'acquisto dal prossimo 4 aprile.