Momento è una lampada da tavolo a LED disegnata dal duo Daniel Debiasi e Federico Sandri - Credits: Normann Copenhagen
La luminosità è regolabile grazie a un dimmer soft touch a tre livelli d’intensità - Credits: Normann Copenhagen
La lampada rappresenta nuova versione semplificata dell'archetipo della lampada da tavolo - Credits: Normann Copenhagen
Il movimento della sorgente luminosa è semplice e intuitivo - Credits: Normann Copenhagen
Momento è realizzata nelle varianti nero, bianco, grigio e verde petrolio - Credits: Normann Copenhagen
Stage è una lampada da terra ispirata al mondo del cinema e della fotografia - Credits: Normann Copenhagen
È declinata nelle varianti petrolio e in tre tonalità neutre: nero, bianco e grigio - Credits: Normann Copenhagen
Il diffusore prende in prestito le forme dai riflettori professionali impiegati sui set cinematografici e dei servizi fotografici. - Credits: Normann Copenhagen
Products

Stage e Momento: le due nuove lampade di Normann Copenhagen

I designer italiani Daniel Debiasi e Federico Sandri, fondatori dello studio Something, hanno disegnato due nuove lampade per Normann Copenhagen, entrambe svelate durante Maison & Objet a Parigi.

Momento è una lampada da tavolo a LED segnata da un'architettura equilibrata, facile da posizionare a seconda delle esigenze di illuminazione.

Il movimento della lampada è intuitivo e avviene tramite un semplice collegamento tra la base e il braccio.

La sorgente di luce, regolabile grazie a un dimmer soft touch a tre livelli d’intensità, può essere direzionata anche tramite una maniglia collocata sulla parte superiore dello schermo allungato della lampada. Il filo è nascosto all’interno del braccio di metallo, mentre l’interruttore è integrato nella parte superiore dello schermo.

Altra novità della casa danese è Stage, sempre firmata dal duo Debiasi e Sandri: una lampada da terra ispirata al mondo del cinema e della fotografia, e in particolare ai riflettori professionali impiegati sui set cinematografici e dei servizi fotografici.

Stage è una lampada dal design pulito, caratterizzata da un lungo telaio filiforme e un diffusore orientabile di forma conica dotato di una pratica maniglia che consente di accendere e direzionare il fascio luminoso con un solo gesto. È progettata per essere utilizzata come lampada da lettura oppure per creare atmosfera, a seconda che la sorgente luminosa sia diretta o indiretta. 

News
Adotta un oggetto di design: la campagna del nuovo Design Museum
Places
Nacrée: in Giappone il nuovo ristorante firmato Kengo Kuma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi