Momento è una lampada da tavolo a LED disegnata dal duo Daniel Debiasi e Federico Sandri - Credits: Normann Copenhagen
La luminosità è regolabile grazie a un dimmer soft touch a tre livelli d’intensità - Credits: Normann Copenhagen
La lampada rappresenta nuova versione semplificata dell'archetipo della lampada da tavolo - Credits: Normann Copenhagen
Il movimento della sorgente luminosa è semplice e intuitivo - Credits: Normann Copenhagen
Momento è realizzata nelle varianti nero, bianco, grigio e verde petrolio - Credits: Normann Copenhagen
Stage è una lampada da terra ispirata al mondo del cinema e della fotografia - Credits: Normann Copenhagen
È declinata nelle varianti petrolio e in tre tonalità neutre: nero, bianco e grigio - Credits: Normann Copenhagen
Il diffusore prende in prestito le forme dai riflettori professionali impiegati sui set cinematografici e dei servizi fotografici. - Credits: Normann Copenhagen
Products

Stage e Momento: le due nuove lampade di Normann Copenhagen

I designer italiani Daniel Debiasi e Federico Sandri, fondatori dello studio Something, hanno disegnato due nuove lampade per Normann Copenhagen, entrambe svelate durante Maison & Objet a Parigi.

Momento è una lampada da tavolo a LED segnata da un'architettura equilibrata, facile da posizionare a seconda delle esigenze di illuminazione.

Il movimento della lampada è intuitivo e avviene tramite un semplice collegamento tra la base e il braccio.

La sorgente di luce, regolabile grazie a un dimmer soft touch a tre livelli d’intensità, può essere direzionata anche tramite una maniglia collocata sulla parte superiore dello schermo allungato della lampada. Il filo è nascosto all’interno del braccio di metallo, mentre l’interruttore è integrato nella parte superiore dello schermo.

Altra novità della casa danese è Stage, sempre firmata dal duo Debiasi e Sandri: una lampada da terra ispirata al mondo del cinema e della fotografia, e in particolare ai riflettori professionali impiegati sui set cinematografici e dei servizi fotografici.

Stage è una lampada dal design pulito, caratterizzata da un lungo telaio filiforme e un diffusore orientabile di forma conica dotato di una pratica maniglia che consente di accendere e direzionare il fascio luminoso con un solo gesto. È progettata per essere utilizzata come lampada da lettura oppure per creare atmosfera, a seconda che la sorgente luminosa sia diretta o indiretta. 

News
Adotta un oggetto di design: la campagna del nuovo Design Museum
Places
Nacrée: in Giappone il nuovo ristorante firmato Kengo Kuma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento