La collezione di Paul McCarthy per The Skateroom - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
Products

Paul McCarthy crea una collezione di tavole da skate per beneficenza

Mariacristina Ferraioli

La cultura underground incontra l’arte contemporanea e lo fa per beneficenza. Nasce così The Skateroom, la collezione di tavole da skateboard firmate dall’artista Paul McCarthy per sostenere Skateistan, una scuola per skater che a Johannesburg salva i ragazzi più poveri dalla strada.

Un progetto ideato dall’associazione non-profit belga The Skateroom che, dal 2013, è attiva nell’ideazione di interventi a favore dell’infanzia e dei giovani che si trovano in condizioni disagiate in varie parti del pianeta.  

L’associazione invita artisti di fama internazionale a creare opere d’arte sugli skateboard per sostenere progetti di beneficenza in giro per il mondo.

Dopo Ai WeiWei e Andy Hope, protagonisti delle edizioni precedenti, la scelta di The Skateroom è ricaduta sull'artista americano Paul McCarthy, classe 1945, uno degli artisti più visionari del nostro tempo.

McCarthy ha riprodotto su ogni skateboard un’immagine tratta dalla serie Propo, probabilmente la più iconica di tutta la sua produzione. Un’edizione limitata di soli 250 esemplari, divisi in 10 modelli, tutti numerati e firmati dall’artista.

Maschere vintage, bottiglie, bambole abbandonate e animali di peluche danno vita nei coloratissimi skateboard realizzati da Paul McCarthy ad un mix frenetico di elementi pop e trash assolutamente in linea con la poetica dell’artista americano. La serie, che è stata presentata al MoMa di New York, è già un cult.

Obiettivo raggiunto e successo di pubblico talmente ampio che l'associazione belga è già a lavoro per l'edizione successiva. The Skateroom, infatti, non si ferma. Dopo Paul McCarthy, sarà l’artista sudafricano Robin Rhode ad aderire alla sua prossima campagna di solidarietà.

La collezione di Paul McCarthy per The Skateroom con riprodotte le opere della serie Propo - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
La collezione di Paul McCarthy per The Skateroom con riprodotte le opere della serie Propo - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
La collezione di Paul McCarthy per The Skateroom con riprodotte le opere della serie Propo - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
La collezione di Paul McCarthy per The Skateroom - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
I 3 skateboard della collezione firmati dall'artista - Credits: Skateistan Johannesburg e The Skateroom
News
Cento sedie (di design) in miniatura
News
10 eventi di inizio autunno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento