La nuova linea di penne nata dalla collaborazione tra Paul-Smith e Caran D'Ache
La nuova linea di penne nata dalla collaborazione tra Paul-Smith e Caran D'Ache
Cambiano Kauri, la nuova penna senza inchiostro firmata Pininfarina
N'Ice, la nuova penna sfera firmata Faber-Castell nella versione nera
N'Ice, la nuova penna sfera firmata Faber-Castell nella versione grigia
Conic, la nuova penna a sfera firmata Faber Castell con impugnatura in gomma antiscivolo
Gli smaglianti colori della N'Ice Faber-Castell
Products

Penne, calligrafia e eleganza: 3 modelli da non perdere

Alessandro Mitola

L'utilizzo della penna affonda le sue radici nell’antichità. Nonostante la tecnologia e la scrittura digitale abbiano sostituito gradualmente il contatto fisico con la carta, la penna esercita ancora oggi un fascino senza eguali. Più che una vera necessità, si tratta di una scelta di stile a tutti gli effetti. La penna è infatti protagonista assoluta della scrivania e porta con sé il romanticismo dei tempi passati. Ecco 3 modelli, che combinano design e funzionalità.

Tra i più noti produttori di materiale dedicato alla scrittura c’è sicuramente Faber-Castell, fondata nel 1761 a Stein, vicino Norimberga. Quest’anno l’azienda tedesca presenta due nuova famiglie di penne a sfera, Conic e N’Ice. La prima, nei toni di bianco, nero e argento, è segnata da un’impugnatura antiscivolo in gomma, che agevola la gestualità della scrittura. N’Ice è invece caratterizzata da un design futuristico, scelte cromatiche brillanti e una struttura ergonomica, pensata per accogliere con naturalezza l’impugnatura.

Parlando di collaborazioni, spicca la recentissima tra il marchio britannico Paul Smith e Caran d’Ache, grazie alla quale la linea di penne 849 assume oggi nuove colorazioni. Punta di diamante dell’azienda svizzera, la 849, con la sua forma esagonale, è oggetto di culto dal 1969. Per onorare il centenario di Caran d’Ache, Paul Smith ha dato vita a 10 nuove penne in edizione limitata, declinate nelle sfumature che riprendono i toni presentati sulle passerelle delle sue ultime collezioni. Il tutto attraverso un esclusivo cofanetto portapenna.

Infine, un gioiellino di tecnologia messo a punto da Pininfarina e Napkin. Cambiano Kauri è realizzata da maestri artigiani, ha un tratto preciso come una matita e al contempo permanente come una penna. La punta è prodotta in Ethergraph, con una speciale lega metallica che consente di scrivere senza inchiostro e senza la necessità di ricaricare la penna. Il connubio tra legno Riva1920 e alluminio dà vita a un oggetto di estrema eleganza e funzionale. Immancabile su ogni scrivania.

 

Products
Signature Chair dello scandinavo Henningsen: il ritorno di un’icona
Products
Tra forma e colore, 4 vasi per arredare la casa
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto