Terrà! è un progetto dello studio torinese Nucleo: si tratta di una poltrona da giardino fai da te - Credits: Twin Pixel Video
Primo step: scegliere un punto del giardino dove posizionare la seduta - Credits: Twin Pixel Video
Assemblare la seduta, il cui scheletro è interamente realizzato in cartone - Credits: Twin Pixel Video
Terzo step: cospargere la seduta di terra - Credits: Twin Pixel Video
Quarto step: aggiungere una buona dose di semi per il prato - Credits: Twin Pixel Video
Quinto step: innaffiare abbondantemente e attendere con pazienza - Credits: Twin Pixel Video
Il kit Terra! è disponibile per l'acquisto a seguito di una campagna Kickstarter - Credits: Twin Pixel Video
Lo scheletro della poltroncina - Credits: Twin Pixel Video
Lo scheletro della poltrona - Credits: Twin Pixel Video
La seduta ricoperta di manto erboso - Credits: Twin Pixel Video
Products

Una poltrona da giardino fatta d’erba

Alessandro Mitola

Da oggi è possibile avere in giardino una poltrona fatta di terra ed erba. Esatto, non in policarbonato, legno o acciaio.

Ma partiamo dall’inizio. Terra! nasce da un'idea di Nucleo, collettivo torinese fondato da Piergiorgio Robino. Ha visto la luce per la prima volta nel 2000 al SaloneSatellite di Milano durante il Salone del Mobile ed è stata premiata l’anno successivo con il Compasso d’Oro.

Il progetto è sviluppato da Piergiorgio Robino insieme a Andrea Sanna ed è un invito a sporcarsi le mani. Nasce dalla convinzione che oggi più che mai la produzione, nel campo del design, abbia bisogno di un approccio sostenibile. Come spiegano gli autori si tratta di «un’idea più che un prodotto fatto e finito».

Funziona pressappoco così: la seduta, che è composta da uno scheletro in cartone, va posizionata in un punto a piacere del prato. Poi va assemblata e  l'assemblaggio e il riempimento di terra della struttura. Infine, basta aggiungere una manciata di semi per il prato, innaffiare abbondantemente e aspettare che la natura faccia il suo corso. L’attesa sarà ricompensata con una (morbida) poltrona interamente ricoperta di manto erboso dove rilassarsi en plein air.

Complici le nuove tecnologie di produzione e una lettera di una particolare richiesta di un cliente, l’originale poltroncina fai da te, dal 2005 fuori produzione, è tornata a nuova vita, leggermente rivisitata per semplificarne trasportabilità e assemblaggio.

Per riuscire nell'impresa, lo studio torinese ha fatto appello a Kickstarter, dove il progetto ha superato largamente l’obiettivo prefissato. E da oggi sarà (finalmente) possibile acquistarla.

Products
La prima bicicletta elettrica targata Pininfarina
Products
Riva 1920 e Renzo Piano per il World Trade Center
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto
LightHenge illumina Milano Fall Design Week

LightHenge illumina Milano Fall Design Week

Per tutta la durata del mese di ottobre, l’installazione di suoni e luci firmata da Stefano Boeri per Edison illumina piazza XXV Aprile
Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Si intitola "Metropoli Novissima" e sarà visibile fino al prossimo 15 novembre presso il complesso Monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli
Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Una settimana di incontri, talk, workshop e mostre sul rapporto tra design, politiche urbane, grafica e industria 4.0. Cosa vedere e perché