Marsotto Edizioni - Lello
Products

Soluzioni all’autunno: 10 portaombrelli di design

Diciamolo: il portaombrelli non è esattamente la prima cosa a cui si pensa quando si deve arredare la casa. Eppure, contribuisce anch'esso a dare un tocco décor all'arredamento. Con l'arrivo delle prime giornate piovose poi, la sua presenza diventa necessaria anche per i meno organizzati.

La scelta è ampissima, quasi sterminata: si va dai modelli più semplici ma funzionali come il classico Kartell con le due aperture laterali, fino alle versioni più ludiche come Killer di Qeeboo, uno squaletto pronto ad azzannare il povero ombrello di turno. Immancabili, poi, i grandi classici disegnati dai maestri dell'architettura e del design, come Servofumo/Servopluvio, progettato nel 1961 da Achille & Pier Giacomo Castiglioni per Zanotta, oppure il portaombrelli 115 di Artek, firmato da Alvar Aalto.

Abbiamo selezionato 10 portaombrelli di design da regalare alla propria casa. Per organizzare gli ombrelli, sì, ma anche per portare una ventata di novità all'arredamento.

Zanotta. Servofumo/Servopluvio. Semplicemente un cult: il portacenere/portaombrelli progettato da Achille & Pier Giacomo Castiglioni nel 1961 è un oggetto iconico e multifunzionale. Può raccogliere comodamente la cenere oppure servire da portaombrelli: basta cambiare la disposizione dei suoi elementi costitutivi. La base è in polipropilene, mentre la vaschetta è realizzata in alluminio e la struttura di sostegno in acciaio verniciato.
Artek. 115. Un grande classico del design nordico: disegnato da Alvar Aalto nel 1936, il portaombrelli 115 è realizzato in betulla con base in ottone. Disponibile anche nella versione Midnight Blue, è un oggetto dallo stile minimalista, un evergreen che accompagna i giorni piovosi con discrezione ed eleganza.
Kartell. È una delle icone del design degli anni '60: multifunzionale e indistruttibile, il portaombrelli Kartell disegnato da Gino Colombini è un contenitore cilindrico stampato ad iniezione. Disponibile in varie colorazioni, si caratterizza per le due aperture laterali. Può essere utilizzato anche come gettacarte.
Marsotto Edizioni. Lello. Più che un semplice portaombrelli, una dichiarazione di stile. Progettato da Maddalena Casadei nel 2011, Lello è un contenitore portaombrelli realizzato in Marmo Bianco di Carrara. Caratterizzato da essenzialità e geometrie rigorose, è disponibile anche nella versione in Marmo Nero Marquina.
Mogg. Duo. Chi usa ombrelli da borsa gradirà la funzionalità del portaombrelli Duo di Mogg - azienda giovane nata nel 2012 da un'idea dell'architetto Nicola Galbiati - che offre un doppio contenitore per ombrelli grandi e per i modelli pieghevoli. Progettato da Carlo Contin per Mogg, è realizzato in tondino di metallo. Si acquista su Designrepublic.com
Pedrali. Brik. Un oggetto pratico per i giorni piovosi, un modulo d’arredo per tutte le altre giornate dell’anno. Disegnato da Pio e Tito Toso, Brik è un portaombrelli in polietilene caratterizzato da un volume puro che ha il compito di contenere con ordine, occupando il minor spazio possibile.
Progetti. Hydria. Ispirato alla forma del vaso, Hydria è un oggetto alto e affusolato che arreda senza appesantire. Si utilizza come portaombrelli, ma può essere anche usato come elemento decorativo per gli esterni e come contenitore per candele. Realizzato in metallo, è disponibile in diverse varianti cromatiche.
Qeeboo. Killer. Ideato da Studio Job, Killer è la storia dello squalo Mr. Holder, che pur amando nuotare non poteva farlo, venendo così deriso da tutti gli altri squali che lo definivano una noiosa signorina. Per salvarlo da quel triste destino, i designer di Studio Job l'hanno trasformato in un portaombrelli ironico e inusuale. Un simpatico compagno che mette allegria durante le giornate piovose.
Fiam Italia. Cobra. Progettato da Elio Vigna, Cobra è un portaombrelli in vetro curvato con basamento in metallo verniciato nero. Le linee sono chiaramente ispirate alla silhouette sinuosa del rettile, mentre la trasparenza del vetro dà un tocco contemporaneo.
Magis. Poppins. Ricorda un gioco, eppure è un portaombrelli pratico e funzionale. “La nostra intenzione era di creare un pezzo grafico tridimensionale che andasse bene sia per gli ombrelli grandi che per quelli pieghevoli”, hanno raccontato Edward Barber & Jay Osgerby, designer del portaombrelli Poppins. Grazie alla forma triangolare, si adatta a qualsiasi angolo della stanza. Inoltre, può contenere ombrelli di ogni dimensione, sia aperti che chiusi.
Products
Momento relax: ARGA di Jacuzzi

News
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini
IKEA e Tom Dixon: quando il co-branding funziona

IKEA e Tom Dixon: quando il co-branding funziona

Dopo il primo capitolo del sodalizio, il designer inglese svela il suo nuovo progetto per il colosso svedese. Un letto dal design minimale, anche questa volta completamente personalizzabile