Products

Quentin de Coster e Christophe Genard: trasparenze luminose

Si chiama Halo ed è la nuova lampada da tavolo nata dal sodalizio tra il designer belga Quentin de Coster e Christophe Genard, uno degli ultimi soffiatori di vetro in circolazione in Belgio.

La sorgente luminosa, di forma circolare, è posizionata al centro e messa in risalto dal corpo in vetro pronunciato. La lampadina è presentata in bella mostra come elemento centrale, a differenza della maggior parte delle lampade dove viene nascosta.

Ed è proprio alle lampadine tradizionali che si ispira il design geometrico di Halo: grazie alla sua trasparenza crea un effetto inaspettato, dando l’impressione di far levitare la luce.

News
Gli eventi di marzo, tra design e architettura
Products
Leggeri come nuvole
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto