A sinistra, ACHILLE E PIER GIACOMO CASTIGLIONI - Vaso Lapis in ceramica, progettato nel 1968 e rieditato quest’anno da CEDIT Ceramiche d’Italia (Gruppo Florim), per celebrare la ricorrenza del centenario della nascita di Achille Castiglioni. A destra, GINO SARFATTI - Lampada a sospensione Le Sfere in metallo e vetro, progetto originale del 1958 oggi prodotta dalla collaborazione di Astep e Flos.
GIGI RADICE - Poltrona Albert&Ile in velluto blu, con struttura in legno massello rivestito in poliuretano e gambe in metallo con puntali in finitura oro, di Minotti. LUIGI CACCIA DOMINIONI - Lampada da terra Imbuto disegnata nel 1953 con base in ghisa verniciata di nero, asta in ottone cromato lucido e diffusore a cono in alluminio, di B&B Italia.
PAOLO TILCHE - Sedia Rea con struttura in acciaio verniciato nero e seduta in cuoio, disegnata nel 1958, di DePadova. KAZUHIDE TAKAHAMA - Divano Sofa D della Marcel Collection, in poliuretano sagomato rivestito con tessuto Kvadrat, design 1965, di Paradiso Terrestre.
A sinistra, ESSETIPI - Tavolo Tondo anni 70, con piano in cristallo temperato, base laccata color granata e piedini in ottone spazzolato, di Porada. A destra, CARLO MOLLINO - Sedia 2051 Fenis in legno massello di acero verniciato nero, design 1959, di Zanotta.
GIANFRANCO FRATTINI - Poltrona Lina con struttura in legno di frassino e seduta in poliuretano rivestita in tessuto, segnalata nel 1955 per il Compasso d’Oro, di Tacchini Italia.
GIO PONTI - Tavolo D.859.1 in frassino naturale e dettagli in ottone, progetto del 1959, di Molteni&C. IGNAZIO GARDELLA - Lampada da tavolo Arenzano in ferro cromato e vetro, design 1956, di Tato Italia.
A sinistra, VICO MAGISTRETTI - Sedia 905 con struttura in massello di frassino tinto nero e seduta in cuoio rosso, anno 1964, di Cassina. A destra, JOE COLOMBO - Lampada da tavolo KD 27 in plastica bianca e vetro, riedizione del 1987 di Kartell. PAOLO PIVA - Tavolo Alanda ‘18 anni 80, con piano in vetro e struttura in acciaio, di B&B Italia.
ANTONIO BONET, JUAN KURCHAN E JORGE FERRARI-HARDOY - Sedia Butterfly struttura in acciaio cromato nero e seduta in feltro termoformato, di Knoll International.
Products

Welcome Back: riedizioni di design

Gli arredi dei grandi Maestri vengono rieditati dimostrando tutta la loro contemporaneità. Icone senza tempo che trovano spazio in qualsiasi ambiente, rivelando il loro fascino intramontabile.

Foto di Gerhardt Kellermann

Set design di Martina Lucatelli

Coordinamento di Francesca Santambrogio

Tutte le pitture murali colorate del servizio, sono di Farrow&Ball.

News
Gallerie Aperte 2018: una serata nel segno dell'arte

News
Alcune riflessioni sul consumo collaborativo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Ad Ancona, una mostra per raccontare il paesaggio storico, umano e naturale sconvolto dal sisma del 2016. Protagonisti Olivo Barbieri, Paola De Pietri e Petra Noordkamp
Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Per il suo debutto con Flos, il designer giapponese Oki Sato ha disegnato un frame che inquadra, seleziona e illumina i paesaggi domestici
Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Sarà una delle destinazioni must dell'anno nuovo. Come Capitale Europea della Cultura, Matera si prepara ad accogliere un caleidoscopio di eventi. Ecco dove iniziare a prenotare
Una finestra sul lago di Como

Una finestra sul lago di Como

Siamo nella villa dove Gino Sarfatti trascorse gli ultimi anni di vita. E dove i suoi discendenti oggi passano i loro momenti di relax circondati dal design luminoso di cui fu protagonista assoluto
L’universo Olivetti in mostra a Torino

L’universo Olivetti in mostra a Torino

Una selezione di 70 scatti d’autore per conoscere la storia di Olivetti: da Ugo Mulas ad Alberto Fioravanti, da Giorgio Colombo a Tim Street-Porter. Fino al prossimo 24 febbraio