La nuova cinepresa Super8 disegnata da Yves Béhar per Kodak
La nuova cinepresa Super8 disegnata da Yves Béhar per Kodak nella variante nero
La nuova cinepresa Super8 disegnata da Yves Béhar per Kodak nella variante bianco
Products

Il ritorno della Super8, la mitica cinepresa targata Kodak

Kodak tornerà a produrre la Super8, la mitica cinepresa lanciata nel 1965 ed entrata in crisi negli anni Ottanta con l’avvento di videocassette e cd. Mentre i grandi colossi del settore fotografico portano avanti una crociata a colpi di megapixel, Kodak decide di tornare alle origini. E questa è una buona notizia per la folta schiera di entusiasti, nostalgici e puristi, ma soprattutto un evento degno di nota perché uno dei principali attori del mercato fotografico, in difficoltà dal 2012, ha finalmente deciso di smuovere le acque.

Difficile definire questa scelta una mera mossa di marketing, registi come J.J. Abrams, Christopher Nolan e Quentin Tarantino continuano a preferire l’ineguagliabile resa della pellicola al digitale. Questa controtendenza è testimoniata anche dal sottobosco di negozi online dedicati al mondo analogico e dalle esperienze di progetti come Impossible Project, che nel 2010 ha iniziato a muovere i primi passi per salvaguardare la fotografia istantanea analogica reintroducendo in commercio pellicole per le tradizionali Polaroid. E lo confermano anche i dati sulle recenti vendite natalizie divulgati da Amazon: tra i bestseller figurano proprio le pellicole istantanee.

La nuova cinepresa, disegnata dallo svizzero Yves Béhar, verrà prodotta nella versione nera o bianca e sarà in grado di registrare sulle tradizionali pellicole Super8. Sarà equipaggiata un obiettivo Ricoh fisso da 6 millimetri, ma la vera novità è rappresentata dallo schermo LCD orientabile e dall’ingresso SD per la registrazione audio. Nel rispetto dello storico slogan You press the button, we do the rest, Kodak spiega che basterà caricare la cinepresa, riprendere e spedire la pellicola direttamente ai laboratori Kodak, che si preoccuperanno di restituire una copia digitale e un film da 8mm da riprodurre grazie agli appositi proiettori. La Super8 verrà prodotta in edizione limitata a partire dal prossimo autunno, il prezzo oscillerà tra i 400 e i 700 dollari, mentre bisognerà aspettare fino al 2017 per una versione meno costosa dedicata alla vendita su larga scala.

Products
Passione per il suono: 5 cuffie da non perdere
News
Seletti: primo e unico brand non fashion a Pitti Uomo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi