Credits: Courtesy Stykka
Credits: Courtesy Stykka
Credits: Courtesy Stykka
Credits: Courtesy Stykka
Credits: Courtesy Stykka
Products

La scrivania in cartone di Stykka per lo smart working

Si sceglie il colore, si ordina online e, a consegna effettuata, si costruisce in autonomia, assemblando un numero limitato di elementi in cartone tramite fascette in plastica. È #StayTheF *** Home Desk, la scrivania in cartone sviluppata dalla startup danese Stykka, che si candida a offrire un'alternativa a tutti i lavoratori costretti ad allestire, in tempi ridotti, una postazione da home office

I creativi di Stykka hanno sviluppato il progetto in seguito all'adozione, lo scorso 12 marzo, da parte della Danimarca, delle medesime misure di contenimento della diffusione del COVID-19 già previste in numerosi Paesi, inclusa l'Italia. La necessità, condivisa da un numero crescente di persone, di proseguire con le rispettive attività professionali all'interno della propria abitazione sta determinando il riadattamento degli spazi indoor privati, mettendo in evidenza anche alcune criticità. Si tratta di un'esigenza con la quale si sono misurati anche i membri del team, che hanno sperimentato in prima persona i 'limiti funzionali' delle rispettive abitazioni. Come agire, dunque, rispondendo in maniera rapida ed efficace a un'esigenza condivisa non solo da migliaia di danesi?

Realizzata con cartone certificato FSC, composto da fibre riciclate, #StayTheF *** Home Desk potrà essere riciclata al 100% dopo l'uso; con un peso inferiore a 3kg, è disponibile in un'unica versione di dimensioni 1200 x 620 x 75 cm e può essere attualmente consegnata anche in Italia.

Tuttavia, i file esecutivi del progetto sono stati resi disponibili e accessibili a tutti, consentendo a chi dispone dei giusti strumenti di procedere in maniera sostanzialmente indipendente. «Vogliamo che il design avvantaggi il maggior numero possibile di persone, motivo per cui abbiamo reso i file di produzione open-source e disponibili gratuitamente per il download con la licenza Creative Commons. La nostra speranza è che le persone scarichino il progetto e lo migliorino», ha infatti affermato Jarl Vindnæs, fondatore di Stykka.