Coro - sdraio Boomy
Products

Sdraio: 12 modelli di design

Una certa filmografia degli anni 50 e 60 l'ha resa il simbolo dell'estate italiana. La sdraio in legno è entrata nell'immaginario collettivo come l'emblema del boom economico del dopoguerra e della spensieratezza delle estati in riviera.

E nonostante il lettino l'abbia ormai superata in fatto di comfort, la sdraio continua a resistere: rimane lì, rassicurante, a rappresentare un passato che non si vuole dimenticare.

Tante le aziende di design che l'hanno rivistata, adattandola alle esigenze di oggi. La sdraio é diventata iperleggera e accessoriata, ma la sua essenza è sempre la stessa: leggermente scomoda e non ottimale se ci si vuole abbronzare, ma per questo perfetta, una seduta semplicemente intramontabile.

Abbiamo selezionato 12 modelli che interpretano la classica sdraio da spiaggia mischiando tradizione, nostalgia e modernità.

Emu – Vetta. Design by Chiaramonte/Marin. Semplice, anzi semplicissima. La sdraio Vetta di Emu si caratterizza per il tubo in acciaio che ne percorre il profilo. È disponibile in più colori ed è dotata di cuscino poggiatesta.
Baxter – Rimini. Design by Paola Navone. Quando la classica sdraio è deluxe: Baxter presenta Rimini, con cuscino poggiatesta e nappe decorative in pelle. Leggermente più ampia rispetto ai modelli tradizionali, offre comfort e finiture di pregio.
Coro – Boomy. Leggera, colorata e facile da aprire: è la sdraio BOOMY di Coro, con struttura in acciaio e alluminio verniciato. I colori brillanti la rendono un'allegra compagna delle giornate estive all'aperto.
Ethimo – Elle. Mette subito voglia di spiaggia questa sdraio di Ethimo. Elle riprende le classiche sedute da mare ed è realizzata in teak e acciaio. Il colore del tessuto può essere scelto tra diverse tonalità.
Exteta – Paraggi. Quando la sdraio raddoppia: Exteta presenta Paraggi, una sedia a sdraio per due persone realizzata a mano in legno Massello di Mogano. Paraggi è equipaggiabile con cuscino poggiatesta e tasca multifunzione. Il tessuto è sfoderabile e lavabile.
Weishäupl – Cabin. Fa subito estate la sdraio Cabin di Weishäupl: dedicata e ispirata alle estati italiane, ha un flair tutto mediterraneo. Cabin può essere scelta nella versione basic oppure con tendina anti-sole e poggiapiedi.
Unopiù – Emy. È uno dei pezzi più venduti nella storia dell'azienda e ora cambia veste: la poltroncina Emy, ispirata alla forma delle sdraio, viene riproposta nella versione in pelle, adatta per gli interni. Una limited edition che porta dentro casa il simbolo dell'outdoor.
Talenti – Touch. Rigorosa e geometrica, ideale per esterni di design. La sdraio Touch di Talenti riduce ai minimi termini il concetto di sdraio e possiede una struttura in alluminio verniciato bianco o tortora. É dotata di cuscino poggiatesta.
Kettal – Landscape. Pratica e leggera, la sdraio di Kettal è uno degli elementi modulari che costituiscono il sistema per esterni Landscape. Disponibile in una palette di colori sfumati ed eleganti, è realizzata in alluminio e tessuto porotex.
Roda – Orson. Design by Gordon Guillaumier. Senza tempo, ma con dettagli moderni: la sdraio Orson di Roda unisce linee classiche a finiture contemporanee ed è realizzata in teak e canatex. Può essere aggiunta una piccola capote per avere ombra e riparo.
B&B Italia – J.J. Design by Antonio Citterio. J.J. è una poltroncina da interni che ricorda la forma delle sdraio da spiaggia. Caratterizzata da linee leggere e classiche, possiede struttura in tondino d’acciaio su cui poggia un telaio di legno.
Dedon – SeaX. Design by Jean-Marie Massaud. La sedia da regista: un altro grande classic da spiaggia. L’azienda Dedon la reinterpreta in chiave moderna, rendendola più geometrica e minimalista. L’ispirazione è quella degli arredi degli yacht, con tessuti water resistant.