Boulevard, collezione Urbanocromie, Settef
Naviglio, collezione Urbanocromie, Settef
Perspektiva, collezione Urbanocromie, Settef
Piazza, collezione Urbanocromie, Settef
Avenue, collezione Urbanocromie, Settef
Portico, collezione Urbanocromie, Settef
Products

I colori del paesaggio urbano


Che ruolo ha la progettazione del colore in architettura? Se n’è parlato lo scorso 31 maggio all’Urban Center di Milano in occasione della presentazione di Urbanocromie, i colori del paesaggio urbano, la nuova collezione di colori per esterni di Settef, brand del gruppo Cromology specializzato nelle pitture per edilizia e architettura e soluzioni tecniche per la facciata.

La linea, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano, è stata realizzata dall’architetto Gianandrea Barreca, che ha immaginato lo sviluppo cromatico della Milano del futuro, ma anche degli altri contesti urbani italiani.

Per l’occasione, si è svolta la tavola rotonda intitolata Il ruolo del colore nella riqualificazione dell’architettura urbana, delle periferie e nel social housing, un confronto a più voci a cui hanno preso parte l’architetto Franco Zinna, Direttore Centrale Direzione Urbanistica Comune di Milano, l’architetto Giordana Ferri, Direttore Esecutivo Fondazione Housing Sociale Milano, l’ingegner Regina De Albertis, Vicepresidente Nazionale Giovani Costruttori ANCE, l’architetto Gianandrea Barreca, Fondatore studio di architettura Barreca & La Varra e il Massimiliano Bianchi, Amministratore Delegato di Cromology. Dal dibattito è emersa la centralità del colore in ambito architettonico: una leva per la riqualificazione del costruito, lo sviluppo virtuoso del social housing e il rilancio del settore immobiliare nella città di Milano.

«Insegno in diverse facoltà di Ingegneria e Architettura, e seppure ci siano nuove attenzioni rivolte all’uso del colore, a mio avviso il tema non viene ancora dibattuto sufficientemente in modo coerente e coordinato con il progetto architettonico», ha dichiarato Barreca. «Il colore non può essere considerato un elemento secondario e di "superficie", né può essere lasciato al libero arbitrio. Se vogliamo rendere più belle le nostre città non possiamo pensare più al colore come ad un elemento accessorio, ma dobbiamo riportarlo al centro del nostro agire».

Places
Un po’ di Francia a Milano
News
Icon Design di giugno è in edicola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli
Riconsiderare il ruolo dell

Riconsiderare il ruolo dell'arte: Azulik Uh May

Nella giungla della penisola dello Yucatan, è nato uno spazio espositivo la cui architettura è stata modellata attorno agli alberi. Un luogo che invita a ribaltare gli schemi mentali, in tutti i campi