Ivo, il nuovo sgabello in legno disegnato da Frank Rettenbacher per Zanotta - Credits: Zanotta
Products

Dieci sgabelli in legno per il 2016

Alessandro Mitola

Gli sgabelli in legno sono elementi di arredo di estrema versatilità.

Si adattano con grande facilità ai diversi spazi abitativi: non devono essere intesi semplicemente come riempitivi, ma elementi polifunzionali e caratterizzanti capaci di trasformarsi a seconda delle esigenze.

Proprio per il loro dna polivalente, gli sgabelli garantiscono infinite soluzioni d’arredo.

Una seduta alternativa per la zona giorno e non solo

Si passa dagli sgabelli da bar, ideali per le cucine a isola, passando per quelli con lo schienale per un maggior grado comfort, fino ad arrivare agli sgabelli bassi per spazi più ristretti, capaci di trasformarsi in piani d’appoggio o comodini.

Grazie alla sua semplicità ed eleganza, lo sgabello in legno si adatta bene ai diversi contesti, dalla zona giorno alla zona notte e può assolvere la funzione di seduta extra quando le sedie non bastano per tutti gli ospiti.

Ecco 10 proposte per il 2016, da integrare in ogni tipo di ambiente domestico.

Ivo è uno sgabello basso disegnato da Frank Rettenbacher per Zanotta. È realizzato in legno massello di rovere o noce Canaletto verniciati colore naturale, con tirante di rinforzo in acciaio a contrasto - Credits: Zanotta
SAG è la nuova famiglia di sgabelli disegnata da Nendo per MDF Italia. Realizzato in poliuretano rigido presenta una seduta in bambù, è un elemento polifunzionale che all'occorrenza si trasforma in un pratico tavolino, outdoor o indoor - Credits: MDF Italia
Disegnato da Davide Negri per Officine Tamborrino, Primitivo è uno sgabello che richiama il territorio di origine pugliese e l’omonimo vino caratteristico della regione. Fonde legno di rovere e acciaio, e presenta quattro tagli che costituiscono l’elemento caratterizzante della seduta - Credits: Officine Tamborrino
Artek rilancia Lukki, l'iconico sgabello disegnato Ilmari Tapiovaara. Leggero ed impilabile è realizzato in tubolare metallico curvato e compensato - Credits: Artek
Sgabello, ma anche tavolino. Imago di Living Divani nasce da un'idea del designer norvegese Mikael Pederson, sintesi di funzionalità e design - Credits: Living Divani
Ironico e spensierato, è lo sgabello Molla di Riva 1920. Si compone di un sedile sagomato in legno di cedro, sorretto da una molla di forma quadrata che ne consente l'oscillazione - Credits: Riva 1920
Offcut è uno sgabello da bar firmato Tom Dixon. La particolarità? È interamente realizzato in legno a partire da elementi di scarto e presenta 3 gambe di forma irregolare - Credits: Tom Dixon
Basil W di Calligaris è uno sgabello da bar con schienale che richiama le forme di una foglia di basilico. Pensato per assicurare comfort, unisce polipropilene e legno massello di faggio - Credits: Calligaris
Valerie è uno sgabello alto dal design essenziale. il progetto è firmato da Cristiana Giopato e Christopher Coombes, ed è interamente realizzato in legno curvato da Miniforms - Credits: Miniforms
News
Estate 2016: dieci mete tra arte e design
Places
Il nuovo Museo Lamborghini
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi