Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Products

Curare la dipendenza da smartphone, con uno smartphone finto

Lo smartphone ci accompagna e intrattiene dalla mattina alla sera. Lo swipe, ripetuto centinaia e centinaia di volte, scandisce le nostre giornate e ed è quasi diventato un gesto involontario. In sostanza siamo diventati dipendenti dai telefonini.

Per guarire è necessario qualcosa che faccia da sostituto. A questo ci ha pensato il designer di base a Vienna Klemens Schillinger, che ha messo a punto una serie di smartphone finti progettati per mimare tutti quei movimenti che compiamo quotidianamente sullo schermo. Dallo sblocco del telefono al controllo delle mail, passando per lo scroll down dei feed dei nostri social network preferiti e via dicendo.

Si chiama Substitute Phone, è realizzato in plastica e rispecchia in tutto e per tutto un normale smartphone, fatta eccezione delle sue funzioni digitali. Lo schermo è stato sostituito da una superficie liscia dove sono incastonate file di sfere caratterizzate da una superficie effetto marmo su cui far scorrere le dita.

La mimica dei gesti dovrebbe avere effetto terapeutico e aiutare ad allontare l'urgenza di controllare ripetutamente il telefono e, quando non è necessario, a tenersi alla larga dallo smartphone, quello vero.