Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Substitute Phone, design Klemens Schillinger - Credits: Ph. Leonhard Hilzensauer
Products

Curare la dipendenza da smartphone, con uno smartphone finto

Lo smartphone ci accompagna e intrattiene dalla mattina alla sera. Lo swipe, ripetuto centinaia e centinaia di volte, scandisce le nostre giornate e ed è quasi diventato un gesto involontario. In sostanza siamo diventati dipendenti dai telefonini.

Per guarire è necessario qualcosa che faccia da sostituto. A questo ci ha pensato il designer di base a Vienna Klemens Schillinger, che ha messo a punto una serie di smartphone finti progettati per mimare tutti quei movimenti che compiamo quotidianamente sullo schermo. Dallo sblocco del telefono al controllo delle mail, passando per lo scroll down dei feed dei nostri social network preferiti e via dicendo.

Si chiama Substitute Phone, è realizzato in plastica e rispecchia in tutto e per tutto un normale smartphone, fatta eccezione delle sue funzioni digitali. Lo schermo è stato sostituito da una superficie liscia dove sono incastonate file di sfere caratterizzate da una superficie effetto marmo su cui far scorrere le dita.

La mimica dei gesti dovrebbe avere effetto terapeutico e aiutare ad allontare l'urgenza di controllare ripetutamente il telefono e, quando non è necessario, a tenersi alla larga dallo smartphone, quello vero.

Places
Copernico Martesana, a Milano co-working e non solo
Speciale Milano
Milano, Fondazione Prada
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata
Thierry Lemaire: "Nessuno mi chiede di essere minimal"

Thierry Lemaire: "Nessuno mi chiede di essere minimal"

A Parigi, a casa del designer e interior decorator che arreda gli interni dell’alta società internazionale. Disegnando anche pezzi speciali e collezioni ad hoc
Un soggiorno sabbatico per rivitalizzare Grottole, a due passi da Matera

Un soggiorno sabbatico per rivitalizzare Grottole, a due passi da Matera

Un'idea di Airbnb per promuovere il borgo lucano dimenticato, in occasione di Matera Capitale della Cultura 2019
La nuova boutique Aesop a Bath, in Inghilterra


La nuova boutique Aesop a Bath, in Inghilterra


A firmarlo è lo studio creativo londinese JamesPlumb e, tra le altre cose, al piano superiore include una biblioteca