Credits: © Dario De Sirianna
Products

Studio Sovrappensiero presenta 4 elementi, tra locale e globale

Il progetto furNATURE di Studio Sovrappensiero mi ha riportato ad un ricordo molto nitido della mia infanzia: mio padre che al ritorno dalla montagna mi portava un ramo con la corteccia sapientemente intagliata e modellato ad arte sul fuoco del camino.

Non ho mai avuto una profonda attrazione per la montagna d’estate e credo, in tutto, di essere andato solo un paio di volte con in escursione con la mia famiglia. Eppure ho conservato tutti i bastoni che Franco aveva fatto per me. Lungi dall’istigare lo sradicamento di stelle alpine dai percorsi montani ma c’era qualcosa di affascinante nel collezionare qualcosa che appartenesse alla natura di un territorio specifico per farlo proprio.

Spesso ci preoccupiamo di circondarci di oggetti perfetti, talvolta anonimi, dove l’elemento di personalità e di individualità che possiamo trasmettere a questi oggetti è limitato alla maniera in cui li disponiamo all’interno del nostro spazio. E se il consumatore venisse coinvolto nel processo di realizzazione dell’oggetto? E se diventasse parte fondamentale nel completare la funzionalità di un elemento d’arredo?

Beh, si tratta di un esercizio di ricerca e sviluppo che Ernesto Iadevaia e Lorenzo De Rosa di Studio Sovrappensiero sono riusciti ad eseguire in maniera precisa ed equilibrata con il progetto furNATURE.

«Gli oggetti di cui ci circondiamo sono frutto di un processo che coinvolge attori e spostamenti anche intercontinentali, se consideriamo: la fase di progettazione, il processo di estrazione e trasporto dei materiali, la produzione e, infine, la distribuzione.
Questi prodotti sono nostri solo perché li abbiamo acquistati, ma il legame che essi hanno con il mondo da cui provengono è poco leggibile, privo di connotazioni geografiche, e non ha risonanza nella realtà culturale di chi li possiede.»

Quattro elementi: una clessidra, un appendiabiti, un’appenderia ed un tavolo da caffè che sintetizzano l’esigenza di coniugare l’individualità con i processi industriali, le produzioni globali con elementi locali.

Ricollegarsi all’ambiente nell’era digitale potrà sembrare un cliché o un tema scontato ma si tratta di un elemento fondamentale per riequilibrare la vita di tutti i giorni.

È l’esecuzione che fa la differenza.

Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Credits: © Dario De Sirianna
Products
Charging dock: 4 soluzioni per la scrivania
News
Danish Design Now, il design scandinavo in mostra a Copenaghen
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto
Natale 2018: idee per regali last minute

Natale 2018: idee per regali last minute

Dedicato ai ritardatari cronici e a chi ama improvvisare, ecco qualche suggerimento per i regali dell'ultimo minuto
E anche la cuccia è di design

E anche la cuccia è di design

Oltre 200 progetti dedicati agli animali domestici sono raccolti nel libro Pet-techture, che per la prima volta fa il punto sull'architettura zoofila