Belgravia - Molteni & C
Products

10 tavoli dal Salone del Mobile

Sempre più scultoreo: è così il tavolo contemporaneo. A emergere dalla Milano Design Week milanese di quest'anno è l'immagine di un tavolo che attinge dall'arte per trasformarsi in un elemento d'arredo innanzitutto da guardare.

E se le forme sembrano nascere dal lavoro di scalpello, le finiture e i materiali rivelano una progettazione studiata all'ennesimo dettaglio. Una ricerca che ha l'obiettivo di offrire un prodotto sartoriale ritagliato attorno alle esigenze di ciascun cliente.

Nascono così tavoli versatili e modulari, da personalizzare dettaglio per dettaglio a seconda delle preferenze.

Ne sono esempio Icaro di Calligaris, che nasce dall'incontro di due volumi scultorei che possono essere definiti in un'ampia gamma di varietà e dettagli, oppure la collezione Shangai di Riflessi, quasi un'opera d'arte contemporanea che di anno in anno si arricchisce di sfumature sempre diverse. Sculture che si inseriscono nell'arredamento della casa plasmandosi a esso.

Ecco alcune delle novità presentate durante la Milano Design Week.

Bottega Ghianda – Flying Bridge – design by Mario Bellini. Mario Bellini l'ha immaginato così: un po’ aereo e un po’ “ponte volante” tra le sponde di un fiume. Tanto che Flying Bridge sembra stia per spiccare il volo: la silhouettes sottile e le bombature delicate lo rendono un tavolo dai volumi leggeri e ariosi, ideale per un arredamento caratterizzato da uno stile minimale.
Riflessi - Shangai. Il piano del tavolo Shangai, come di tutti gli altri tavoli Riflessi, si impreziosisce della finitura nata dalla sperimentazione con la resina epossidica. Le soluzione creative che questo formulato può assumere sono infinite e rendono ogni prodotto diverso dall'altro, a riprova dell'artigianalità della sua applicazione.
B&B Italia – Bull – design by Naoto Fukasawa. Ispirandosi al toro, Naoto Fukasawa ha voluto trasmettere la sensazione immediata di un tavolo di grande solidità ma anche di grande leggerezza. Le gambe danno l'impressione di essere solidamente piantate a terra, mentre il piano, sottilissimo, sembra appoggiarsi lievemente sulla struttura. Disponibile in due dimensioni – da 240 e 280 cm - Bull è proposto interamente in legno di rovere nelle varianti chiaro, grigio, nero e fumigato, oppure con struttura in rovere e piano in marmo nelle versioni nero Marquinia o bianco statuarietto di Carrara, entrambe con finitura opaca.
Porro – Jeff – design by Gabriele e Oscar Buratti. La reazione tra le superfici specchianti è il punto di partenza della nuova creazione di Gabriele e Oscar Buratti: il piano slanciato in massello di castagno appare sospeso sulle basi centrali metalliche, la cui particolare geometria, una semicurva aperta sottile come un foglio di carta in acciaio lucido pigmentato blu, viene rifinita manualmente, innescando effetti di riflessione in continua mutazione. Un tavolo solido e dagli accenti urbani.
Tacchini – Split – design by Claesson Koivisto Rune. L'azienda Tacchini ha presentato Split, una collezione completa di tavoli dalla forma rotonda, ovale, quadrata o rettangolare, in diverse altezze e misure, accomunati dal design della base metallica. Un tavolo perfetto sia per l'ambito domestico che per il contract grazie all’ampia varietà di finiture. - Credits: Foto: Andrea Ferrari
Rimadesio – Manta - design by Giuseppe Bavuso. Un sistema di tavoli modulare con struttura in alluminio pressofuso ad alta pressione e con tirante centrale in lega di alluminio temperato. I piani, disponibili nella versione rotonda e boat-shaped, offrono una scelta di materiali e finiture che va dal rovere termotrattato al vetro, in versione laccata o trasparente, fino all'acrilico.
Molteni & C. - Belgravia – design by Rodolfo Dordoni. L'aristocratico quartiere di Londra Belgravia dà il nome a una famiglia di tavoli caratterizzata da forme fluide e ricercate. A rendere possibile l'unione tra le gambe e la trave portante del tavolo è la struttura a ponte in essenza, con una sagoma a doppia inclinazione e una sofisticata tecnica di ebanisteria. Il tavolo è disponibile in diverse dimensioni.
Calligaris – Icaro. Solido ed elegante, il tavolo Icaro è formato dall'incontro di due volumi scultorei. Si caratterizza per l'estrema versatilità ed è disponibile in un'ampia varietà di abbinamenti, misure, forme e materiali. Nella foto in alto è declinato nella versione con basamento nero e piano ceramica-vetro effetto marmo nero. Può essere scelto nella versione fissa o allungabile.
Promemoria - Gerardo. Durante la Design Week milanese, l'azienda Promemoria ha presentato Gerardo: robusto e massiccio, si caratterizza per i volumi morbidi ma importanti che lo fanno assomigliare a una scultura monolitica che si inserisce con protagonismo nell'ambiente circostante.
Robot City - Italian Art Factory – MDTable. Ideato e prodotto da Danilo Cascella, MDTable è un tavolo avveniristico che unisce design e tecnologia: dotato di uno schermo multimediale touchscreen – che riprende l'interfaccia intuitiva degli smartphone e tablet - si caratterizza per una struttura in marmo realizzata grazie alla collaborazione di esperti artigiani.
Icon Design Talks
Icon Design Talks 2018: giorno 3
Icon Design Talks
Icon Design Talks 2018: giorno 4
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata