Credits: Industrial Facility
Products

The Ode Lamp, le lampade poetiche e minimali di Herman Miller

The Ode Lamp nasce dallo studio dei comportamenti umani più istintivi e dalla voglia di mettere al mondo un oggetto che racchiude la forza di un’idea.

The Ode Lamp è semplicità poetica che si eleva per uno scopo: illuminare con classe per far fronte all’atavica necessità dell’uomo di fuggire dal buio.

Nato dal lavoro dello studio inglese Industrial Facility per l’azienda leggendaria Herman Miller, il progetto consiste in una famiglia di lampade LED di varie altezze e misure, in grado di adattarsi agli ambienti e alle superfici e declinare, con estrema eleganza, la luce in forma.

Per scrivanie, tavoli o free-stand per pavimenti, in bianco o in nero, dotata di una luce soffice che non infastidisce e che assolve egregiamente il compito di Sam Hecht e Kim Colin, i due designer che hanno partorito The Ode Lamp: lavorare sull’istintiva attrazione dell’essere umano nei confronti della luce.

Credits: Industrial Facility
Credits: Industrial Facility
Credits: Industrial Facility
Places
FoodLoft, lo spazio di Simone Rugiati firmato Panzeri
Milano Design Week
10 eventi da non perdere al Fuorisalone 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Ristrutturare casa: i suggerimenti di CasaFacile

Ristrutturare casa: i suggerimenti di CasaFacile

Dai pavimenti agli infissi, passando il soppalco e il bagno. Una guida utile per progettare e rinnovare casa
L

L'opera pubblica di Roberto Coda Zabetta a Portivy, in Bretagna

L'artista biellese ha realizzato un grande affresco utilizzando pigmenti organici. Marea dopo marea, il dipinto verrà assorbito dal mare
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni