Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Nendo, Paper-torch - Credits: Ph. Akihiro Yoshida
Products

La torcia di carta firmata Nendo

Dopo aver ripensato il design del dispenser per soia, lo studio giapponese Nendo torna con una nuova, brillante, intuizione: una torcia a realizzata a partire da un foglio di carta. Non una carta qualsiasi, sia chiaro, ma un foglio di tipo YUPO di Takeo, lo stesso utilizzato per realizzare le schede elettorali. La superficie di questa carta particolare consente all’inchiostro di espandersi in modo uniforme, così da permettere al foglio di essere arrotolato senza sforzo. Tra le altre cose, è molto resistente, idrorepellente e adatta a diverse applicazioni industriali.

Paper-torch è equipaggiata inoltre di tecnologia brevettata da AgIc, società giapponese specializzata nella stampa di circuiti su cellulosa, pellicole e vestiti, che utilizza un inchiostro speciale a base di particelle d’argento. I circuiti sono posizionati su entrambi i lati del foglio con un pattern a scacchi, mentre due tasti a pila e sette LED incollati con adesivi conduttori. A seconda di come viene arrotolata la carta, varia l’intensità luminosa emessa da Paper-torch: un tubo dal diametro ampio produrrà luce soffusa, ma basterà stringerlo per aumentare la potenza del fascio luminoso. Ma non è tutto, è possibile anche gestire la temperatura della luce: quando la superficie dove sono posizionati i LED è arrotolata verso l’esterno, la luce sarà calda. Nel verso opposto si otterà luce fredda.

Di fatto le destinazioni d’uso di Paper-torch sono molteplici e variano a seconda delle esigenze. Come lampada da lettura grazie all’apposito supporto, oppure, se si preferisce, come sospensione realizzando un paralume più ampio.