Liam, il nuovo divano modulare firmato da Carlo Colombo per Trussardi Casa - Credits: Trussardi Casa
Products

La nuova collezione Trussardi Casa

Moda e design rappresentano un tutt’uno nella nuova home collection di Trussardi Casa.

La maison del Levriero racconta una casa moderna: la collezione sviluppa ed estende i modelli iconici attraverso una reinterpretazione di forme e materiali, che manifesta un gusto e una cultura tipicamente italiani.

Una casa da vivere pienamente in ogni ambiente, dove ciascun arredo e dettaglio è ispirato alle abitazioni milanesi, coerentemente con l’identità che Trussardi Casa esprime sin dal suo esordio.

Protagonista della nuova collezione è l’area living, che si arricchisce di sedute generose ed essenziali nelle linee. I divani, componibili o angolari, sono impreziositi da morbidi pellami declinati in diversi spessori, spaziando dall’avorio all’écru, dal corda al quartz grey no a toni più caldi del cognac e del moro.

A questi si aggiungono le pregiate essenze in frassino tinto wengé o in noce canaletto, marmi Emperador Dark e Carrara, e metalli nelle finiture canna di fucile e bronzo spazzolato.

La linea Liam si arricchisce di un nuovo letto dalle forme minimali, interpretazione del divano presentato durante il Salone del Mobile di Milano. La testiera è segnata da un design trapezoidale e una generosa imbottitura. Inoltre, è impreziosita dai caratteristici elementi decorativi a rullo in pelle - Credits: Trussardi Casa
Il divano angolare Milano è un omaggio alla città meneghina. Si tratta di una seduta dai volumi generosi, dove le geometrie marcate della struttura si contrappongono all’ampia seduta dalla ricca imbottitura - Credits: Trussardi Casa
La nuova bergère Albora con pouf si caratterizza per le sue linee geometriche e sfaccettate, un connubio riuscito tra design e comfort. - Credits: Trussardi Casa
Bridge è il mobile cabinet basso elegante, presentato in essenza rovere tinto wengé con niture bronzo spazzolato; si riconosce per le sue forme lineari e slanciate. Può essere dotato di un’anta opzionale in vetro rivestito Stopsol - Credits: Trussardi Casa
La famiglia di tavolini Tosco viene impreziosita da nuovi top in marmo, Emperador Dark e Carrara. Il basamento si sviluppa attraverso elementi triangolari in ottone lucido, disposti in un reticolo di linee alternate - Credits: Trussardi Casa
Liam è il nuovo divano disegnato da Carlo Colombo per Trussardi Casa. Una soluzione lineare ed armonica: i moduli aggregabili consentono una progettualità completa senza tradire la vocazione al comfort ed esaltando i materiali. Il rivestimento in tessuto o pelle con cuciture e fibbie in metallo è un chiaro riferimento all’universo Trussardi - Credits: Trussardi Casa
Products
Wheelamp: quando il design fa beneficenza
Places
Tra cielo e mare nel B&B Calcebianca di Ostuni
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto