Credits: Piaggio
Credits: Piaggio
Products

La nuova Vespa Elettrica firmata Piaggio

In questo caso parlare di icona è un dovere. Design unico e forme morbide: la Vespa è sicuramente tra le due ruote più famose di sempre. E in occasione dei 70 anni, dice addio alla benzina per abbracciare un motore elettrico ad emissioni zero.

L’erede del mito italiano progettato da Corradino D’Ascanio è stata svelata in occasione di Eicma, il salone milanese dedicato alle due ruote. Si chiama semplicemente Vespa Elettrica e per averla bisognerà attendere la seconda metà del 2017.

Mantiene tutte le caratteristiche che ne hanno costruito il successo. Estetica, agilità e intuitività nella guida saranno le stesse, con l’aggiunta di tecnologiche e innovative soluzioni di connettività. In sintesi: l’inconfondibile stile si evolve e resta fedele a se stesso.

Casa Piaggio, la cui tradizione nelle motorizzazioni elettriche risale alla metà degli anni Settanta, spiega che: «oggi il progetto Vespa Elettrica conferma l’impegno del Gruppo non soltanto nel far muovere le persone ma nel voler cambiare il modo col quale le persone si muovono». 

Products
Natale 2016: idee regalo hi-tech
News
La Bailey House di Pierre Koenig è in vendita
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto