La Wishbone Chair è stata progettata nel 1949 ed entrata in produzione nel 1950
In occasione del 103esimo anniversario del designer Hans J. Wegner viene presentata in una versione in legno di olmo
La Wishbone Chair si compone di 14 parti in legno assemblate a mano
La seduta è realizzata artigianalmente impiegando 120 metri di corda di carta
La limited edition presenta la firma del designer sul lato interno del telaio
Products

La Wishbone Chair in limited edition

Un’edizione limitata per un giorno solo. In occasione del 103esimo anniversario della nascita del designer danese Hans J. Wegner, giovedì 27 aprile Carl Hansen & Son svelerà un’inedita versione della Wishbone Chair, conosciuta ai più per il suo peculiare schienale a forma di forcella.

La seduta, presentata per la prima volta nel 1950, viene rieditata in una versione in legno di olmo proveniente dalle foreste nordamericane, successivamente trattato ad olio. «Oggi questa varietà di legno, che in qualche modo ricorda il legno di quercia, è meno utilizzata per la realizzazione di mobili», spiega Knud Erik Hansen, CEO dell’azienda. «Questo rende la sedia un pezzo unico, assicurando l'interesse da parte di collezionisti ed estimatori di Wegner. Carl Hansen & Son aveva già reso omaggio in altre occasioni a questo maestro del design di sedie con edizioni speciali delle sue opere iconiche. Riconosciuti come il maggior produttore mondiale di mobili firmati Wegner, per noi è naturale festeggiare l’anniversario della sua nascita».

La Wishbone Chair, quasi 70 anni dopo la sua nascita, viene ancora realizzata artigianalmente dagli esperti di casa Carl Hansen & Son. Le 14 parti che la compongono vengono assemblate a mano, così come l'intreccio della seduta, che richiede 120 metri di corda di carta. E a fare la differenza sono i dettagli: la limited edition presenta un’incisione a laser con la firma e la data di nascita del designer posizionata sul lato interno del telaio della sedia.

News
Carte Blanche a Palazzo Grassi di Venezia
News
La prima edizione di Milano Arch Week
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi