Credits: PHILO e POTUS, i nuovi pouff prodotti all’azienda veneta VG ispirati alle forme delle foglie
Credits: Dandelion, l'orologio disegnato da Nendo ispirato ai semi di tarassico
Credits: Rock Metal, la serie di tavolini disegnata da Antoine Morris ispirata alle formazioni rociose
Credits: Juicy Salif nella versione bronzo, lo spremiagrumi disegnato da Philippe Starck per Alessi
Credits: Juicy Salif nella versione bianco, lo spremiagrumi disegnato da Philippe Starck per Alessi
Credits: Le statutette in ceramica disegnate da Ioanna Vautrin ispirate a tre volatili
Storytelling

5 complementi d’arredo ispirati alla natura

Alessandro Mitola

Progettare significa osservare, sviluppare un linguaggio e sintetizzare. È un percorso scandito da una serie di fasi di attenta ricerca, analisi e studio, dove l’ispirazione gioca un ruolo fondamentale. La sensibilità al quotidiano, coniugata alla metodologia, è fonte inesauribile di nuovi stimoli. La ricerca visiva del designer trova spazio nella natura, con risultati progettuali sorprendenti: eccone cinque, tra novità e icone.

PHILO e POTUS sono i nuovi pouff prodotti dall’azienda veneta VG. Pensati per spazi indoor e outdoor, prendono in prestito il nome da due piante, di cui ricalcano la forma della foglia. Sono entrambi realizzati con fodera e cuciture a contrasto personalizzabili, resistenti all’acqua e ai raggi ultravioletti. Ideali per arredare la zona lounge o a bordo piscina.

Il giapponese Nendo prende in prestito i semi di tarassaco e li posiziona sul quadrante dell’orologio Dandelion, sostituendo la classica numerazione. Il design essenziale allude allo scorrere tempo, come un fruscio di vento che trasporta qua e là le teste di seme.

La moderna serie di complementi Rock Metal disegnata da Antoine Morris, si ispira alle formazioni rocciose senza perdere leggerezza. È composta da tavolo, tavolino e mensola, tutte con finitura color pastello a contrasto con il rigore formale che domina il progetto.

Juicy Salif, l’iconico spremiagrumi disegnato da Philippe Starck ispirato dalle forme di un calamaro, celebra il suo venticinquesimo compleanno. Per l’occasione Alessi ne propone una doppia riedizione: in fusione di alluminio nella versione bianca e una serie limitata di 299 pezzi numerati in fusione di bronzo.

Un’anatra, un tucano e un gabbiano. Sono le statuette in ceramica, di chiara ispirazione naturale, presentate dalla designer francese Ioanna Vautrin in occasione della retrospettiva Animalità ospitata dalla Triennale di Milano. Un omaggio al mondo animale, realizzato a partire da un meticoloso studio sulle differenze di piumaggio e becco dei tre soggetti.

Storytelling
Tendenze: quando un tocco dorato fa stile
Storytelling
Ispirazione giapponese: 4 progetti tra rigore e armonia
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto