A sinistra, il sistema componibile Cavalletto in legno, progettato nel 1953 da Mangiarotti: un elemento a due gambe a V rovesciata. A destra, il tavolo in marmo Eros, progettato nel 1971 da Mangiarotti, prevede un incastro a gravità tra piano e gamba. - Credits: Agape
Una fase di produzione del sistema Cavalletto: la lavorazione artigianale prevede la smussatura degli incastri del legno. - Credits: Agape
I pezzi in marmo e pietra della Ma giarotti Collection hanno un tag elettronico che permette di conoscerne la storia. - Credits: Agape
Storytelling

Il design colto di Agape

Dal bagno all’intero universo domestico. Un elemento che salta subito all’occhio osservando le collezioni di Agape e Agapecasa è il senso di qualità diffuso. C’è un filo sottile che unisce i due marchi ed è in primo luogo dato dalla passione per la progettazione. Si può parlare di due realtà votate al design. Due marchi che parlano la stessa lingua e che hanno fatto della ricerca, della sobrietà e dell’eleganza la loro cifra.

La storia di Agape comincia nel 1973 a Verona per volontà della famiglia Benedini, per poi proseguire a Mantova, immersa nel Parco Naturale del Mincio, la città di origine dei fratelli Emanuele e Giampaolo. Un’esplorazione del mondo dell’arredo bagno che segue una progettazione accurata frutto della collaborazione con realtà industriali e artigianali, e del contributo di designer internazionali. In primis Giampaolo Benedini, fondatore dello studio Benedini & Partners con sedi a Milano e Mantova, autore tra gli altri del quartier generale  di Agape, dello showroom meneghino Agape12 e di prodotti come i lavabi Spoon (2002) e Ottocento (2009).

L’identità di Agape è definita inoltre da autori di primo punto come Enzo Mari, Konstantin Grcic, Marcio Kogan, Neri & Hu, Patricia Urquiola e Angelo Mangiarotti. Quest’ultimo riveste un posto speciale per Agape: è il protagonista della Mangiarotti Collection di Agapecasa, il brand lanciato nel 2010 con cui l’azienda mantovana allarga le vedute abbracciando il concetto di casa nella sua interezza. E lo fa proponendo una selezione di mobili che attingono dal repertorio dei modelli disegnati, a partire dagli anni 50, dal maestro milanese scomparso nel 2012. Progetti, comunque, aggiornati tenendo conto degli standard di oggi: tavoli, sedute e librerie capaci di conservare le qualità di design degli originali grazie all’abilità dei maestri artigiani e ai materiali di alto livello. Un omaggio al made in Italy, che ci ricorda come perpetuare la bellezza nel tempo non è un risultato scontato.

Storytelling
Genova e l'architettura
News
I cinque articoli più letti di novembre
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata