L’entrata del British Museum, istituzione fondata nel 1753
Una delle metope del Partenone, conservata al British Museum, che rappresenta la battaglia tra un Centauro e un Lapite - Credits: The Trustees of the British Museum
La nuova ala del British Museum presso Montague Place, progetto di Rogers Stirk Harbour + Partners (RSHP), 2014
La statua di Ramesses II, 1250 A.C. - Credits: The Trustees of the British Museum
La Reading Room all’interno della Great Court del British Museum, progetto di Foster&Partners, 2000
Storytelling

Il British Museum festeggia 268 anni

Milano Design Film Festival

Il 15 gennaio 1753 apre al pubblico il British Museum con una collezione di 70mila oggetti – reperti archeologici, monete, libri e manoscritti – consegnata alla nazione dal medico e naturalista Sir Hans Sloane. 268 anni dopo un video prodotto dal Museo vuole rendere tributo al ruolo dell’istituzione, la prima nella storia mondiale, e riflettere su come è cambiato il museo oggi.

«Da 15 visitatori al giorno nel 1753 a 15 mila oggi», racconta il direttore Hartwig Fischer. Con grande semplicità comunicativa, il video giustappone immagini d’archivio agli spazi attuali. E sottolinea quanto, sin dai tempi di Sir Hans Sloane, il compito del museo fosse quello di unire le persone, raccontare la storia dell’umanità e delle sue differenze nel mondo connettendo passato e presente.

Più di un terzo del video si sofferma sul ruolo degli strumenti multimediali. All’anno, oltre di mezzo milione di persone nel mondo si collega al sito internet. Il museo, dunque, non ha più a che fare con il semplice luogo fisico, quanto con l’idea che esso rappresenta quale trasmettitore di cultura. Nel video Hartwig Fischer scatta foto degli spazi che condivide su Instagram, mentre i visitatori fotografano e si fanno dei selfie che poi postano sui social media del museo. Con queste immagini si vuole sottolineare che, grazie alla rete e agli smart device, la distanza tra istituzione museale – con la “I” maiuscola – e le persone è come non mai ridotta. E che le persone trovano significati dello spazio fisico attraverso l’esperienza individuale. «La gente vuole condividere la ‘sua’ collezione con familiari e amici», enfatizza Fischer.

Il momento della visita, infine, non è più unidirezionale come nel passato, ovvero attraverso la sola visione diretta del reperto, ma a più livelli grazie ai contenuti multimediali che comprendono perfino la realtà virtuale o aumentata, in grado di sovrapporre le immagini digitali a quelle fisiche del luogo.

Qual è, dunque, il ruolo del British Museum oggi? «Conservare il patrimonio per le generazioni contemporanee e future; incoraggiarle le persone, attraverso l’incanto del passato, a costruire il futuro dei prossimi 258 anni», conclude Fischer.

News
10 eventi di design a gennaio
Products
15 portacandele di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi