Credits: Illustrazione di Riccardo Fano
Storytelling

Carl Auböck e l’astrazione della bellezza intrinseca

Esistono oggetti che si desiderano a prescindere dalla loro funzionalità ma solo per la loro bellezza intrinseca. Quelli creati da Carl Auböck ne sono un esempio.

Fondato nel 1912, il Werkstätte Carl Auböck ancora oggi realizza oggetti e piccole sculture in metallo da quattro generazioni. Al civico 23 di Bernardgasse a Vienna, lo studio apre i battenti sotto la guida di Karl Heinrich Auböck, che realizza principalmente statuette e figure antropomorfe in bronzo sull’onda del movimento scultoreo dei Bronzi Viennesi, in voga a quell’epoca.

Ma è nel 1919, quando il figlio Carl II comincia a collaborare con il padre, che l’attività dello studio inizia a cambiare radicalmente.

Dopo aver conosciuto il pittore svizzero Johannes Itten all’Accademia di Belle Arti di Vienna, Auböck inizia a seguire i corsi di Itten alla Bauhaus di Weimar dove apprende l’arte di forgiare i metalli grazie agli insegnamenti di Naum Slutzky. Nel 1923 riprende a lavorare assieme al padre.

Il Werkstätte, 1951 - Credits: Werkstätte Carl Auböck
Werkbundausstellung, Vienna, 1955 - Credits: Werkstätte Carl Auböck
L'esposizione del catalogo durante una fiera del 1948 - Credits: Werkstätte Carl Auböck

Carl introduce da subito un approccio di rottura, più moderno rispetto a quello che storicamente lo studio aveva sempre presentato, molto più vicino alla sensibilità Art Deco.

Dopo la morte di Karl Heinrich nel 1925, il Werkstätte abbraccia in pieno la direzione intrapresa da Carl iniziando a produrre una serie di oggetti in bilico tra arte e funzionalità: cavatappi, fermacarte e, vista la passione di Carl per caffè e sigarette, posaceneri.

In questo frangente Carl introduce nuovi materiali come l’ottone o il cuoio, spesso accompagnati da elementi della natura come corni di animali o sassi.

Il lavoro di Auböck, sapientemente trasmesso al figlio Carl III ed alle generazioni successive, oltre alla patina che tutti gli oggetti acquistano, si distingue per la sensibilità e la capacità di astrarre e concettualizzare elementi fisici – mani, piedi o animali... – conferendogli una funzionalità.

«Se qualcuno avesse bisogno di un cavatappi, o un fermacarte, o un candelabro, perché non farlo tanto bello quanto funzionale?». Beh, perché no?

Credits: Werkstätte Carl Auböck
Credits: Werkstätte Carl Auböck
Credits: Werkstätte Carl Auböck
Credits: Werkstätte Carl Auböck
Credits: Werkstätte Carl Auböck
News
Apre il nuovo SFMOMA - San Francisco Museum of Modern Art
News
Touchpoint: come nascono le idee?
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Ad Ancona, una mostra per raccontare il paesaggio storico, umano e naturale sconvolto dal sisma del 2016. Protagonisti Olivo Barbieri, Paola De Pietri e Petra Noordkamp
Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Per il suo debutto con Flos, il designer giapponese Oki Sato ha disegnato un frame che inquadra, seleziona e illumina i paesaggi domestici
Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Sarà una delle destinazioni must dell'anno nuovo. Come Capitale Europea della Cultura, Matera si prepara ad accogliere un caleidoscopio di eventi. Ecco dove iniziare a prenotare
Una finestra sul lago di Como

Una finestra sul lago di Como

Siamo nella villa dove Gino Sarfatti trascorse gli ultimi anni di vita. E dove i suoi discendenti oggi passano i loro momenti di relax circondati dal design luminoso di cui fu protagonista assoluto
L’universo Olivetti in mostra a Torino

L’universo Olivetti in mostra a Torino

Una selezione di 70 scatti d’autore per conoscere la storia di Olivetti: da Ugo Mulas ad Alberto Fioravanti, da Giorgio Colombo a Tim Street-Porter. Fino al prossimo 24 febbraio