Uno still tratto da Up&Up, il nuovo video dei Coldplay
Uno still tratto da Up&Up, il nuovo video dei Coldplay
Uno still tratto da Up&Up, il nuovo video dei Coldplay
Uno still tratto da Up&Up, il nuovo video dei Coldplay
Storytelling

Il videoclip di Up&Up dei Coldplay

Milano Design Film Festival

L’audiovisivo è un linguaggio poliedrico. Tocca molti ambiti e utilizza molti mezzi differenti: va dal cinema al web, dal teaser allo spot pubblicitario fino al videoclip musicale. Proprio quest’ultimo è un genere interessante, per definizione “un breve testo audiovisivo nato con lo scopo di promuovere un brano attraverso immagini appositamente create”.

Il video musicale - la cui nascita negli anni ’70 è strettamente legata allo sviluppo delle prime forme artistiche prodotte con il computer - ha lasciato un segno nella cultura di massa. Il formato videoclip vero e proprio risale al 1975, anno di uscita del promoclip di Bohemian Rhapsody dei Queen. In tal modo, attraverso il video, s’iniziava a creare qualcosa di diverso, utilizzando immagini in movimento che non fossero solo la fotocopia di un’esibizione live, ma un’espressione visiva parallela.

Arrivando ai giorni nostri, ha fatto il giro del web raccogliendo commenti entusiasti e un numero immenso di visualizzazioni, il videoclip di Up&Up, nuovo singolo dei Coldplay estratto dal loro settimo album A Head Full of Dreams. “È tra i video più belli che siano mai stati fatti", ha affermato Chris Martin, frontman della band britannica. Realizzato da due giovani registi israeliani, Vania Heymann e Gal Muggia, il video è un affresco surreale e coinvolgente che tocca molti temi da sempre cari alla band come guerra, inquinamento, immigrazione, riscaldamento globale.

In uno scenario decisamente onirico gli effetti speciali lasciano a bocca aperta e rendono tutto possibile, anche una bimba sull’altalena nello spazio e tartarughe marine in volo su New York. Gli stessi due autori hanno definito la clip “un montaggio toccante e surrealistico che allude a diversi temi del mondo contemporaneo”. Noi aggiungiamo solo una cosa: è da vedere!

Products
La nuova stagione espressiva di Cedit Ceramiche d'Italia
Places
Il leggendario Watergate Hotel di Washington riapre i battenti
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Il fondatore di Studio Mumbai fa dello strumento creativo una libera scelta. Attraverso l’architettura, la creazione di arredi e l’arte, lavora solo a una condizione: prendere il tempo necessario per fare ricerca e pensare
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli