Cristina Celestino ritratta nella sua casa milanese. Sullo sfondo, i due pattern di Plumage per BottegaNove (2016): mosaico in ceramica e porcellana Limoges. Camicia Fendi - Credits: Ph. James Mollison - Styling di Chiara Spennato - Make up: Chiara Guizzetti @Green Apple - Hair stylist: Nicholas James @Green Ap
Storytelling

In conversazione con Cristina Celestino

Il termine decorazione suscita solitamente un brivido, e un severo monito di rimprovero, nei progettisti che si ergono a intransigenti paladini del purismo, che antepongono il rigore durevole del disegno alla frivolezza mutevole di ciò che vibra sulle superfici e che, insomma, rifiutano tutto quanto non abbia un’immediata, per quanto astratta, funzione d’uso. Chiamatelo, se volete, conformismo: una visione che certo rassicura, ma che poco ha a che fare con lo slittamento di segni e parametri che caratterizza il contemporaneo.

Cristina Celestino, infatti, la pensa diversamente. Non si pone nemmeno il problema, immune al monito di Adolf Loos – ornamento come delitto – divenuto, malgrado l’autore, dogma castrante. Articolato attraverso una vasta serie di collaborazioni che vanno dagli oggetti ai rivestimenti, dalle lampade al mobilio, il lavoro della Celestino si caratterizza per un’essenzialità tersa e serena che non entra in conflitto, anzi si armonizza naturalmente, si espande e riverbera attraverso le modulazioni di una delicata verve decorativa. La ricerca dei materiali e la capacità di evocare forme archetipe per via di sintesi e sottrazione, e poi di trasfigurarle attraverso la scelta inattesa dei colori e il trattamento certosino delle superfici, scrivono una grammatica estetico-formale di grande originalità, insieme familiare e surreale.

«Il decoro è l’arricchimento e l’articolazione di un progetto», dice con calma olimpica la designer di origine friulana, milanese d’adozione. L’aggettivo “decorativo”, nel suo caso, è accolto come medaglia al valore, non come giudizio di valore. Cristina è atipica, in ogni senso, a partire dalla scelta di Carlo Scarpa e Le Corbusier come maestri putativi. Imprevedibile è pure il suo percorso. Al design, infatti, è arrivata nel 2010, provenendo dall’architettura, dopo gli studi presso il prestigioso Iuav di Venezia. È a Milano che Cristina Celestino ha stabilito la propria base professionale: qui ha fondato Attico, un piccolo marchio di ricerca e sperimentazione, con il quale nel 2012 partecipa al SaloneSatellite, facendosi notare. Da quel momento il percorso è in costante ascesa. Il suo lavoro attualmente spazia dalle edizioni limitate per gallerie di design e musei alle commissioni per clienti privati, dalla direzione creativa di marchi quali BottegaNove, ai progetti speciali per Durame, Flexform, Mogg, Seletti, Tonelli Design e Torremato, solo per citarne alcuni.

A sinistra, tra disegni e campioni di materiale spicca il Salone del Mobile.Milano Award, premio speciale della giuria vinto da Cristina lo scorso anno. A destra, il profumatore da tavola Atomizer di Attico (2012), limited edition. È in vetro borosilicato soffiato e lavorato a lume in diversi colori e texture. - Credits: Ph. James Mollison - Styling di Chiara Spennato
I tavolini bassi della collezione The Happy Room, per Fendi. La base ottone si ispira alla chiusura di un orecchino. Sui piani in traver- tino con intarsi in marmo e onice, scatole gift-away in metallo verniciato. - Credits: Ph. James Mollison - Styling di Chiara Spennato
Sul tavolo del soggiorno, due portacandele in vetro borosilicato soffiato per Attico: Perlage (2016), con gemme vitree colorate, e Luminarie, dalla superficie decorata con motivo a diamante (2016). - Credits: Ph. James Mollison - Styling di Chiara Spennato
Nel soggiorno, poltrona in velluto Rubelli con base rivestita in volpe, e lampada da terra con supporto a pandoro in marmo e cappello in pelle microforata, entrambi The Happy Room, insieme ad alcuni arredi di design da collezione e pezzi disegnati da Celestino: il cabinet Les Volieres in metallo per Seletti (2016) e l’espositore Florian per Attico (2011), in ferro laccato con teca in vetro. - Credits: Ph. James Mollison - Styling di Chiara Spennato

Parallelo al percorso professionale, ma ugualmente definente in termini di caratterizzazione estetica e di linguaggio, è il suo iter da collezionista. «Colleziono oggetti d’arredo, lampade in modo particolare», racconta. «La mia è una vera e propria vertigine dell’accumulo: amo circondarmi di ciò che per me è bello».

Abbiamo incontrato Cristina a Milano, nel suo appartamento nel quartiere Città Studi, pochi giorni prima della partenza per Miami dove, in occasione di Design Miami/, ha presentato la collezione The Happy Room, il progetto di VIP room itinerante sviluppato per Fendi. Da quasi dieci anni la maison romana, nota per le pellicce sperticatamente inventive e per il temerario motto “nulla è impossibile”, sviluppa un progetto ad hoc per la era di alto design. Oggi è strategia comune operare scelte del genere, ma Fendi ha avviato i lavori in tempi non sospetti, ben otto anni fa. Cristina è l’ultima collaborazione in ordine di tempo, con precedenti illustri quali Maria Pergay, Formafantasma e Dimorestudio. L’affinità tra la designer e la maison è evidente, e non solo per il gusto della sperimentazione materica – notevole l’invenzione di un procedimento che ingloba la pelliccia nella resina mantenendone l’aspetto tridimensionale e animale – unita alla classicità fuori registro del disegno. È lo sguardo femminile e deciso, intriso di storia ma non nostalgico, a unirle, e così il gusto per lo spiazzamento tattile e visivo. Niente è come sembra nel lavoro di Cristina, così come nel mondo di Fendi.

La compenetrazione di visioni è particolarmente rivelatrice, soprattutto per la designer. The Happy Room può essere letta, infatti, come un riassunto del suo lavoro e della sua poetica. Vi si ritrovano gli stilemi quali il paravento e la toeletta déco, la sottigliezza della ricerca cromatica, il virtuosismo senza sforzo dei materiali e poi quel senso di geometria avvolgente e seducente che antepone la curva sinuosa all’angolo acuto. «Mi piace lavorare con percezioni e scale, in modo da sorprendere chi guarda e chi usa i miei oggetti», spiega Cristina, indicando il suo pezzo preferito: due piccoli tavolini con il piano di marmo intarsiato che hanno la forma di enormi orecchini, con la vite che diventa base, insieme funzionale e decorativa. «È lo stesso principio dei miei Atomizers per Seletti: un set da tavola che echeggia le bottiglie della profumeria d’antan». L’aspetto che però più colpisce, e che risulta più evidente, è la calma assoluta: carattere insieme della persona e del lavoro. È la calma di oggetti il cui valore è scritto nel tempo richiesto per crearli, dai quali traspare una femminilità consapevole e senza sbavature. La stessa che coniuga rigore e decoro in un equilibrio a atto personale. «Il mio lavoro è complesso e articolato in vari ambiti, ma se dovessi riassumerlo in un aggettivo direi che è coerente», conclude Cristina.

Products
Leggeri come nuvole
Products
Di.Big, la porta blindata che coniuga sicurezza e design anche nelle grandi aperture
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale