L'architetto milanese Antonio Citterio - Credits: Ph. Mattia Balsamini
A sinistra, l’appartamento milanese dell’architetto Citterio, con i divani e il pouf Charles e altri pezzi da lui disegnati per la collezione Maxalto: poltrone Kalos, tavolino Ebe e contenitori Apta. A destra, Antonio Citterio due volte premiato con il Compasso d’Oro. I suoi arredi sono esposti in permanenza al MoMa di New York e al Pompidou di Parigi - Credits: Ph. Mattia Balsamini
Un’altra prospettiva del living a doppia altezza con il divano e il pouf Charles e le poltrone Kalos di Maxalto: tutto disegnato da Antonio Citterio. - Credits: Ph. Mattia Balsamini
Storytelling

Vent’anni di Charles

Il 2016 ha segnato un fondamentale giro di boa per B&B Italia, l’azienda fondata nel 1966 da Piero Ambrogio Busnelli nell’effervescente stagione del boom economico e della nascita del Made in Italy.

I cinquant’anni sono stati un’occasione d’oro per avviare un ricco calendario di mostre ed eventi sul tema dell’heritage, della vision dell’azienda e di quel modo di progettare capace di sfdare il tempo, di cui B&B Italia è da sempre una delle massime interpreti. Un esempio tra tutti è rappresentato dal sistema di sedute Charles, best seller e long seller, vero e proprio emblema del timeless design. Quando dal quartier generale di Novedrate hanno chiesto ad Antonio Citterio di valutare un upgrade di Charles, da lui ideato nel 1997 e che per la prima volta introduce il piedino di metallo negli imbottiti, l’architetto ha deciso di non apportare nessuna modifca.

Trascorsi vent’anni dal progetto originale, il commento è stato lapidario «Charles va bene così com’è. Non ho nulla da togliere né da aggiungere». Antonio Citterio è asciutto ed elegante come le sue creazioni mentre, seduto sul suo Charles, ne rievoca la storia. «Nel 1997 stavo progettando il nuovo soggiorno del mio appartamento a Milano», ricorda. «È un ambiente lungo e stretto, e sentivo la necessità di rimuovere almeno un elemento di appoggio laterale dal divano. Così, per tentativi, è nato un prototipo che sarebbe poi diventato Charles». Si presenta come un tributo al disegno degli anni 50 e 60, con una chiara allusione a Charles Eames.

«Nel mio caso, tento di non copiare ma di assimilare aspetti specifci del lavoro dei grandi maestri», sottolinea l’architetto. «Non esistono prodotti degli anni 50 e 60 che assomiglino a Charles. Però in quei prodotti vi è l’idea di alcuni elementi che ho sviluppato. È lo spirito che mi interessa riprodurre - non la semplice forma - e quindi considero giusto dichiarare, anche solo nel nome, questo riferimento». In origine Charles è stato concepito per sostituire Sity, un sistema di sedute del 1986 che, in modo rivoluzionario per l’epoca, proponeva il concetto del divano a isola e angolare, con l’integrazione della chaise-longue. Charles, però, è andato oltre, e i motivi del suo successo non sono pochi.

«Anzitutto è un divano che ofre la possibilità di comporre un ampio numero di sedute partendo da due elementi base», spiega Citterio. «La sua struttura sottile, ma resistente grazie al telaio in metallo e il cuscino sedile unico, gli conferiscono un’immagine leggera, accentuata dal disegno essenziale dei piedini a “L” rovesciata, in pressofusione di alluminio. A suo tempo abbiamo introdotto innovazioni tecnologiche attraverso il lavoro con il Centro Ricerche & Sviluppo di B&B Italia, e funzionano ancora oggi».

Nel 2003 è stato introdotto Charles Large, che amplia la profondità delle sedute. La versione outdoor è del 2010, mentre lo scorso aprile è stata presentata una special edition anniversario con due rivestimenti nei colori arancio/rosso e grigio/blu, che richiamano le tonalità dei Sixties. Ma le novità non si fermano qui. Perché, lavorando sul tema del timeless design, B&B Italia ha iniziato a sperimentare un modo diverso di comunicare la cultura industriale e di progetto, raccontandola attraverso una piattaforma multimediale. Nasce così l’idea di partecipare con 3D Produzioni alla realizzazione di un docufilm che ha come protagonista il pluripremiato scrittore e sceneggiatore austriaco Peter Handke, autore del Canto alla durata (Einaudi): un poema sull’unico valore che può dare senso a tutto ciò che tende a dissolversi.

Davanti alla macchina da presa di Didi Gnocchi, Handke, doppiato da Michele Placido, nella casa di campagna dove vive a Chaville, non lontano da Parigi, racconta la sua personale ricerca sul concetto di durata e suggerisce una ricetta: «La strada per la durata è la fedeltà, la fedeltà alla forma, che è l’estetica. Si denigra sempre l’estetica, ma l’estetica è l’istanza dell’etica». Contro l’onda onnivora del presente mordi e fuggi, la durata diventa – secondo Handke e B&B Italia – una chiave: per riaprire le porte di un mondo in cui anche la bellezza degli oggetti quotidiani può essere il seme della felicità. 

Products
Stilnovo riedita la lampada da tavolo Piega

Places
Un tour di Firenze insieme a ZpStudio
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi