La nuova sede duka
La nuova sede duka
La collezione acqua 5000
La nuova collezione gallery 3000
La collezione natura 4000
La collezione pura 5000
Storytelling

La nuova sede duka a Bressanone

Nel 1979, Johann Krapf fondava negli scantinati di un paesino nell'Alto Adige quella che sarebbe diventata un'azienda di riferimento nel settore delle cabine doccia: duka (il nome è l'acronimo del tedesco Duschkabine). Una realtà che negli anni si è ingrandita fino a festeggiare, oggi, i quarant'anni di attività con l'inaugurazione di una nuova sede che riunisce sotto lo stesso tetto cinque dipartimenti aziendali e 250 dipendenti.

Progettato dallo studio altoatesino Kerschbaumer Pichler & Partner, l'edificio si affaccia sull'uscita autostradale di Bressanone, occupando una superficie di 200 mt e allungandosi per circa 20 metri di altezza. Una presenza imponente e monolitica, caratterizzata da linee rigorose spezzate soltanto da un'ampia scalinata frontale, quasi una ferita scultorea, che invita i visitatori ad addentrarsi nel mondo dell'azienda. «La struttura si ispira alla palette cromatica delle montagne che incorniciano l'azienda, inserendosi così in modo armonioso nel contesto circostante», ha spiegato Johann Krapf.

Gli interni, luminosissimi e ariosi, sono una celebrazione del minimalismo con tocchi lirici come il giardino zen a cui guarda lo showroom. Qui, in ambienti suddivisi in categorie diverse – dall'oudoor fino allo stile urban – sono esposti i prodotti di duka, compresi gli ultimi modelli come la riedizione della collezione gallery 3000, che fa uso delle migliori innovazioni sviluppate dall'azienda tra cui la tecnologia d’incollaggio UV degli elementi metallici sul vetro, che evita la foratura della lastra e l’utilizzo di viti, azzerando il deposito di sporcizia.

Con l'intento di essere sintesi di funzionalità ed estetica, le cabine doccia di duka possono essere realizzate con la tecnologia Protect, che aggiunge alla superficie del vetro qualità anti-aderenti per una pulizia migliore, oppure con vetro ProCare, frutto di un trattamento che mantiene intatta la trasparenza del vetro anche dopo un uso prolungato della cabina doccia, evitando corrosioni e aloni. Ogni cabina possiede caratteristiche tecniche nate da ricerche ed esperimenti sul campo, come le cerniere a 180°, l'Automatic Close&Stop, le cerniere a filo vetro, il meccanismo sali/scendi o gli elementi scorrevoli magnetizzati. Tutto, nelle cabine doccia duka, è personalizzabile secondo le proprie esigenze.

All'interno della zona produttiva, poi, gli spazi uniscono i macchinari nati dalle ultime tecnologie nel campo dell’ingegneristica degli impianti elettrici, di riscaldamento, di ventilazione ed energetici, in un omaggio alla filosofia 4.0 che vuole la sinergia tra software, macchine e uomo. «Ciò che ci teniamo a sottolineare è che abbiamo fatto tutto, trasloco dei macchinari compreso, senza mai fermare la produzione. Un traguardo importante, se consideriamo che da duka escono ogni giorno più di 100 pallet carichi di merce», ha raccontato Johann Krapf.