Credits: Fornasetti
Credits: Fornasetti
Credits: Fornasetti
Credits: Fornasetti
Credits: Fornasetti
Storytelling

Fornasetti, un libro d’arte in 100 copie

Milano Design Film Festival

Il sole, le carte da gioco, gli arlecchini, le mani, gli autoritratti: sono alcuni tra i temi più ricorrenti nell’immaginario artistico di Piero Fornasetti.

È però nel 1952 che comincia a lavorare su quella che poi sarebbe diventata la sua serie più famosa e iconica: Tema e Variazioni. Partendo da un ritratto di donna, lo modifica dando vita a una ricerca di rappresentazione di diversi stati d’animo. Nel 1966 la serie conta già 299 variazioni.

Quel volto senza tempo è di Lina Cavalieri, cantante lirica vissuta a cavallo tra ‘800 e ‘900, conosciuta all’epoca come “la donna più bella del mondo”. Un vero e proprio archetipo di bellezza classica ed enigmatica. A ispirare la fedeltà di Fornasetti e a scatenarne l’inesauribile creatività è stato il fascino formale e grafico del suo viso: quel ritratto è diventato infatti il suo motivo ultimo e il più duraturo.

Ora Fornasetti ha editato un volume di pregio e in edizione limitata interamente realizzato a mano che contiene le prime 100 illustrazioni dalla serie “Tema e Variazioni” disegnate da Piero Fornasetti e corredato da testi di Barnaba Fornasetti, Gio Ponti, Alberto Manguel e Glenn O'Brien. Collaborando i migliori artigiani italiani, le matrici originali in ottone, incise con l’antica tecnica dell’acquaforte, diventano elementi di copertina e danno un aspetto diverso a ogni libro. Ogni particolare che compone il libro è frutto di un’attenta ricerca di eccellenza fino anche al sottile filo che compone la rilegatura: conosciuta come “cucitura a punto lungo”, realizzata con filo di lino bianco e rosso, questa tecnica deriva dal metodo usato dal V secolo d.C. per legare volumi con coperte in carta o pergamena.

Ecco il video che racconta il progetto.

Negli anni le variazioni di Fornasetti hanno appassionato intellettuali e artisti di tutto il mondo. In primis Gio Ponti, propugnatore di Piero e della sua arte, ma anche Alberto Moravia che dedicò un testo alle variazioni. O ancora Henry Miller che, per la sua autobiografia My Life and Times scelse di utilizzare il famoso volto femminile disegnato da Piero come copertina. Max Ernst, padre del surrealismo, rese omaggio all’icona di Fornasetti in un suo famoso ritratto e Pablo Neruda, che lo definì “mago de la magia preciosa y precisa”.

Barnaba Fornasetti, direttore e cuore artistico dell’azienda, ha proseguito l’opera del padre. A oggi le variazioni sul tema sono quasi 400. Come per Piero, anche per lui la carta stampata ha sempre rappresentato uno spazio di espressione naturale e il volume Tema e Variazioni, che raccoglie le prime 100 variazioni sul tema, è stato da lui pensato e voluto per rendere omaggio all’omonima serie e inaugurare una rinata esplorazione da parte di Fornasetti nel territorio del libro stampato.

Places
Nella sede delle Cartiere Burgo a San Mauro Torinese
News
Shaddai, lo yacht super lusso progettato da un giovane designer italiano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto