Casa V di Moretti More, progettata dall'architetto Valentina Moretti mira ad armonizzarsi con l'ambiente naturale. - Credits: Photo: Cortili
Casa V di Moretti More. La vibrante struttura sfuma i confini tra le zone living interna e esterna. - Credits: Photo: Cortili
Interno di Casa V di Moretti More. Nella sala da pranzo, le finestre alte quanto l’intera parete fanno dialogare esterno e interno. - Credits: Photo: Cortili
Storytelling

Future Houses: l’edilizia ready-made diventa sostenibile

Storicamente, nel concetto di casa prefabbricata si è sempre anteposta la funzionalità al design, e il costo contenuto dei materiali e della produzione ha avuto la priorità sull’eleganza e l’originalità. Di recente, però, c’è stata una svolta nel pensiero architettonico, e le case prefabbricate stanno diventando una soluzione pratica e sostenibile per una popolazione sensibile e eco-consapevole.

La combinazione di credenziali “verdi” e progettazione su misura sta alimentando una crescita del mercato di fascia alta. I vantaggi legati a rapidità e convenienza, uniti alla sostenibilità delle tecniche edilizie e alle possibilità di personalizzare il design, stanno convertendo una nuova generazione di oculati compratori alla bellezza del prefabbricato. «Prefabbricazione significa che non siamo costretti a scendere a compromessi», dice Valentina Moretti, direttrice creativa di Moretti More, che progetta e costruisce case prefabbricate per il mercato di lusso.

«I clienti vogliono qualcosa di unico, e noi possiamo progettare e costruire case che si adattano alla perfezione alla loro vita, in tempi inferiori a quelli necessari per una casa convenzionale». Le ville progettate dagli architetti di Moretti More mettono l’accento sulla luce naturale e sulle finiture in legno, sfumando le distinzioni tra interno e esterno e creando un’atmosfera armoniosa con uno stile eclettico e contemporaneo. Il modello ready-made, inoltre, riduce l’impatto ambientale della costruzione. La produzione consente un maggior controllo su ogni aspetto del processo, dalla catena di distribuzione allo smaltimento dei rifiuti. Costruendo con materiali naturali si abbattono i consumi di energia, i costi di trasporto e le emissioni di anidride carbonica, con un risparmio sulle spese generali di gestione dell’edificio finito.

Rubner Haus, fondata nel 1926, è specializzata nella costruzione in legno con alberi provenienti dalle sue foreste sostenibili (con certificazione PEFC) e rispetta le più stringenti norme sulla riforestazione in Europa. Deborah Zani, amministratrice delegata dell’azienda, crede che l’aspirazione a una vita sana stia spingendo un numero crescente di persone a riscoprire il legno come materiale da costruzione. «Il legno crea un clima domestico naturale, che garantisce un piacevole fresco d’estate e un piacevole calduccio d’inverno». Il progetto più recente, opera dell’architetto Stefan Hitthaler, è una casa di famiglia che si trova a Chienes (Bolzano), dotata di una struttura dinamica e fluida che si integra alla perfezione nel paesaggio montano sudtirolese. Un sistema geotermico e un impianto fotovoltaico la rendono del tutto autosufficiente sul piano energetico. Questo edificio è stato candidato al premio CasaClima 2019 e ha vinto il German Design Award 2020 nella categoria Eccellenze architettoniche. E l’idea della casa smart per le masse, ben progettata e pronta da montare, non è tanto lontana dal realizzarsi.

L’anno scorso, lo studio Carlo Ratti Associati ha collaborato con l’organizzazione non-profit indiana WeRise alla realizzazione di Livingboard, prototipo di un nucleo prefabbricato che provvede all’immagazzinamento e alla distribuzione di acqua, al trattamento delle acque per mezzo di filtri, allo smaltimento dei rifiuti, al riscaldamento, all’accumulo di energia solare per mezzo di batterie solari e alla connettività wi-fi.

Nello spirito dell’auto-produzione che caratterizza il movimento maker, Livingboard offre una base che consente alle persone di diventare co-artefici, costruendo su misura le proprie abitazioni usando materiali e tecniche locali, garantendo standard tecnologici elevati. Realizzata con componenti a basso costo e facili da trasportare, Livingboard può essere spostata con elicotteri o addirittura droni anche in luoghi molto isolati.

Se l’idea del prefabbricato evoca l’immagine di schiere di case tutte identiche, vi invitiamo a ripensarci. Nel momento in cui la sostenibilità è uno dei temi di discussione cruciali del nostro tempo, il prefabbricato offre una soluzione alle preoccupazioni etiche e ambientali senza sacrificare lo stile e gli ideali.