Credits: La collezione di tavoli e sedute HEM ispirata al Bento box giapponese
Credits: La collezione di tavoli e sedute HEM ispirata al Bento box giapponese
Credits: xNewtons, il tavolo progettato da Studio mob secondo l'approccio wabi-sabi
Credits: xNewtons, il tavolo progettato da Studio mob secondo l'approccio wabi-sabi
Credits: Sa, l'ombrello ispirato al tradizionale origami giapponese
Credits: Alcuni sketch di Sa, l'ombrello ispirato al tradizionale origami giapponese
Credits: Il volume WA – l'essenza del design giapponese, edito da L'ippocampo Edizioni (39,90 euro).
Credits: Lo sgabello Butterfly, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: Ceremony Space, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: Lo sgabello Bamby Chair, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: La cassettiera Bon, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: La cassettiera Bon smontata, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: La sedia Nami, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Credits: Uno studio di packaging, dal volume "Wa", L'ippocampo Edizioni
Storytelling

Ispirazione giapponese: 4 progetti tra rigore e armonia

Alessandro Mitola

La tradizione culturale nipponica ha da sempre influenzato la produzione occidentale nell’ambito del design. L’estrema pulizia delle linee tipiche dell'estetica giapponese esercita oggi più che mai un forte fascino, che si traduce in progetti semplici e curati nei minimi particolari, ma soprattutto segnati da esigenze armoniche.  

Il marchio berlinese HEM si rifà alla semplicità e funzionalità del Bento box, il tradizionale vassoio contenitore con coperchio giapponese. Bento è composta da una serie di sedute e tavoli in frassino, disponibili in diverse dimensioni, che combinano raffinatezza e facilità di montaggio. Un vero e proprio trionfo di minimalismo: ogni pezzo si assembla tramite semplici giunti a bullone o con un meccanismo a clip, senza intervenire con strumenti aggiuntivi.


xNewtons è un tavolo in legno e marmo progettato dallo Studio mob che segue un approccio wabi-sabi al design. L’aspetto rustico del piedistallo in legno oyamel su cui poggia il piano circolare in marmo mette in evidenzia l’evoluzione verticale del tavolo, che culmina con  un cuneo in ottone fissato nel legno per assicurare il top del tavolo.  


Il duo newyorkese composto da Justin Nagelberg e Matthew Waldman prende in esame la struttura degli origami giapponesi riscrivendo il concetto di ombrello. Sa è un ombrello con manico magnetico lanciato lo scorso anno su Kickstarter: dopo è essere stato ampiamente finanziato con successo, attualmente in produzione, nell’attesa di essere messo in commercio.


Per gli amanti del design del Sol Levante, L'Ippocampo Edizioni ha pubblicato in Italia WA – l'essenza del design giapponese, un volume interamente dedicato al design made in Giappone. 250 opere per raccontare, forme, materiali e attitudine della cultura giapponese: dal kimono alle scatole bento, passando per i ventagli, le ceramiche Raku e i classici di Shiro Kuramata e Sori Yanagi, a cui si aggiungono i progetti dei giovani talenti emergenti. Wa è curato da Rossella Menegazzo, professoressa associata in Storia dell’Arte dell’Asia Orientale presso l’Università degli Studi di Milano, coordinatrice scientifica e curatrice di diverse esposizioni e convegni sull’arte e la cultura asiatica, e Stefania Piotti, traduttrice, editor e coordinatrice scientifica di mostre dedicate all’arte giapponese.

Storytelling
5 complementi d'arredo ispirati alla natura
Places
A Soissons, un conservatorio che pare un'abbazia
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto
LightHenge illumina Milano Fall Design Week

LightHenge illumina Milano Fall Design Week

Per tutta la durata del mese di ottobre, l’installazione di suoni e luci firmata da Stefano Boeri per Edison illumina piazza XXV Aprile
Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Si intitola "Metropoli Novissima" e sarà visibile fino al prossimo 15 novembre presso il complesso Monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli
Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Una settimana di incontri, talk, workshop e mostre sul rapporto tra design, politiche urbane, grafica e industria 4.0. Cosa vedere e perché