Kim Jakobsen, Signature Collection - Credits: Komono
Csilla Klenyanszki, Signature Collection - Credits: Komono
Arcin Sagdic, Signature Collection - Credits: Komono
Daiana Ruiz, Signature Collection - Credits: Komono
Debby Woo, Signature Collection - Credits: Komono
Louise Mertens, Signature Collection - Credits: Komono
Nicasio Torres, Signature Collection - Credits: Komono
Amber Vittoria, Signature Collection
Storytelling

Komono, design e accessibilità da Anversa

Scherza con un fare estroverso e amichevole, ma quando si tratta di raccontare la genesi del suo brand, Anton Janssen raccoglie in un batter d’occhio l’attenzione. Insieme a Raf Maes, dieci anni fa, ha fondato Komono, marchio di accessori con quartier generale ad Anversa

«Ci siamo conosciuti su un volo diretto a Seattle, all’epoca eravamo entrambi snowboarder professionisti», racconta. «Conclusa la carriera sulle piste, ho lavorato prima come distributore e poi come consulente per il mercato in Belgio e Benelux». Una gavetta solida che ha portato Anton a riflettere su quelle che erano le sue aspirazioni e potenzialità. «Pian piano ho acquisito confidenza, ma al tempo stesso mi sentivo a tratti frustrato. E a un certo punto ho pensato: è il momento di dare forma a qualcosa di mio». Dalle esperienze pregresse Anton aveva appreso il funzionamento del processo di distribuzione, una rete di contatti e il knowhow aziendale. «Dieci anni fa il mercato dell’abbigliamento strizzava l’occhio al lusso accessibile, ma sul fronte accessori era ancora acerbo. Così è nato Komono: dalla volontà di unire qualità e prezzi accessibili».

È il tema del viaggio ad aver ispirato e a ispirare Anton. «Una cosa è certa: il mindset è fondamentale, bisogna avere una mentalità aperta e assorbire tutto. L’ispirazione è una bestia selvaggia, quando arriva arriva». E dunque occhiali da sole e da vista, affiancati da orologi dal design contemporaneo sotto un nome che ha un sapore orientale. «Komono è una parola giapponese che indica gli accessori di piccole dimensioni. Si lega alla nostra filosofia da un punto di vista più che altro grafico: le due O rappresentano gli occhiali e la terza O il quadrante di un orologio».

Un elemento chiave nel percorso del brand è la collaborazione con giovani creativi, come testimonia la nuova Signature Collection, che ha visto il coinvolgimento di nove artisti a interpretare una selezione di orologi, tra foto, video, illustrazioni. Nove autori provenienti da tutto il mondo, da Londra a Barcellona, passando per Taiwan e New York. «È nell’essenza di Komono collaborare con le nuove leve della creatività», spiega Anton. «Oggi siamo una realtà consolidata e possiamo supportare artisti agli esordi dando loro visibilità, come una vetrina sul mondo». Alla domanda di rito sul futuro del brand, Anton si dimostra sognatore ma pragmatico: «Komono non è solo un marchio, è attitudine, lifestyle. E questa è la nostra chiave di lettura. Ciò detto le possibilità per arricchirlo sono infinite, ma c’è ancora molto da esplorare nelle categorie di prodotto che abbiamo scelto. Nel futuro, why not?».

News
Gli igloo di Mario Merz e la casa archetipica
News
Raoul De Keyser e la poetica del quotidiano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Elettrodomestici di design: un po

Elettrodomestici di design: un po' di novità

Da scoprire nel servizio fotografico di Thomas Albdorf, con il set design di Cameranesi & Pompili e la moda di Fabiana Fierotti
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini