Disegnare il sacro di Marco Sammicheli - copertina - Credits: Andrea Caligiuri - Rubbettino
Storytelling

Disegnare il sacro: il nuovo libro di Marco Sammicheli

Disegnare il sacro è un libro di Marco Sammicheli che racconta l'intenso rapporto tra il design e la religione in Italia, dal dopoguerra in avanti.

Il volume, edito da Rubbettino, ripercorre la storia dell'architettura religiosa italiana degli ultimi cinquant'anni. Un periodo prospero di nuove costruzioni e di grandi sperimentazioni soprattutto in città come Milano, Torino, Bergamo e Bologna.

Marco Sammicheli, design curator di Abitare e docente presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano, ha condotto un'approfondita ricerca sul campo restituendo a noi lettori un'analisi fruibile e mai noiosa anche grazie alle belle illustrazioni di Elisa Macellari e il progetto grafico di undesign.

Abbiamo incontrato l'autore a ridosso delle due presentazioni in Lombardia del volume, stasera (14 dicembre) presso il Centro Congressi Giovanni XVIII di Bergamo e domani (15 dicembre) presso la Galleria d'Arte Moderna di Milano, per saperne di più sul suo libro. 

Disegnare il Sacro è un testo importante che documenta il rapporto tra design, ricerca e religione. Da dove è nata l’esigenza di scrivere un testo su un argomento apparentemente così complesso?

L’esigenza nasce dal desiderio di condividere una ricerca iniziata più di dieci anni fa. Dopo un dottorato tra Santiago del Cile e Milano, una partecipazione alla Biennale di Architettura di Venezia del 2014 e svariati articoli ho pensato fosse importante raccogliere il capitolo italiano di un ampio e complesso lavoro che ne conta altri dedicati all’America Latina e alla Scandinavia. Il saggio illustrato si concentra su alcuni casi studio che ritengo significativi, realizzati in Italia dalla metà degli anni Cinquanta agli anni Zero del nuovo secolo. Il rapporto tra arte, architettura, design e religione cristiana è, a mio avviso, un territorio di sperimentazione centrale e necessario, un tema che ha bisogno del contributo di artisti e progettisti per riagganciare al presente grandi questioni spirituali.

Qual è il punto di incontro tra il design e la chiesa, intesa proprio come il luogo fisico di ritrovo della comunità ecclesiastica?

È un punto in divenire, un’intersezione tra fede, progetto e culture visive. Il libro racconta le occasioni in cui designer, architetti e artisti sono riusciti ad offrire uno spazio coerente con l’estetica del presente e interprete di una religione millenaria. Hanno lavorato con liturgisti, teologi e religiosi per dare vita a un progetto che rispondesse a esigenze collettive e intime.

Perché, differentemente da quanto avveniva in passato, la cultura visiva contemporanea, che sia architettura, design o arte, fa così tanta fatica ad essere accolta pienamente nella pratica edilizia e decorativa della Chiesa contemporanea?

Non credo sia un problema di accoglienza ma di coinvolgimento. Gli interlocutori di questi due mondi hanno vissuto le trasformazioni della storia perdendo molte occasioni di comunicazione e collaborazione. Oggi prevalgono soluzioni rivolte al passato, ripetizioni di moduli interpretativi non più validi. Il libro invece valorizza lo sforzo di chi ha risposto a domande complesse con creazioni di valore. Disegnare il sacro è un catalogo di possibilità volte a pensare l’edificio chiesa come a un’infrastruttura di dialogo, relazioni, servizi e valori, un luogo confortevole e moderno che non banalizza la rappresentazione, il rito, il simbolo.

Disegnare il sacro di Marco Sammicheli - copertina - Credits: Andrea Caligiuri - Rubbettino
Disegnare il sacro - testi - Credits: Andrea Caligiuri - Rubbettino
Gio Ponti, Chiesa di San Francesco d'Assisi al Fopponino, 1961-1964 –Milano Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Luigi Caccia Dominioni, Chiesa di Maria Ausiliatrice, 2003 -Adwa, Etiopia Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Sandro Pittini, Studio associato Ar. Pi., interno della Chiesa di San Lorenzo Martire, 2004-2007 -Rualis di Cividale del Friuli (Udine) Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Edoardo Gellner e Carlo Scarpa, interno della Chiesa di Nostra Signora del Cadore, 1956-1961 -Villaggio ENI di Borca di Cadore (Belluno) Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Jannis Kounellis, installazione site specific, 2009 -ex Oratorio diSan Lupo -Museo Diocesano Adriano Bernareggi, Bergamo Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Nanni Strada (in collaborazione con Manifattura Bianchetti), abito talare-mostra-progetto La Casula per Koiné Ricerca, 2005 –Vicenza Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Stefano Arienti e Andrea Mastrovito, pareti interne e allestimento absidi-Chiesa Santo Papa Giovanni XXIII, 2014 -Nuovo Ospedale, Bergamo Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Costantino Nivola, facciata della Chiesa di Nostra Signora d'Itria, 1958 -Orani, Nuoro Illustrazione di: Elisa Macellari - Credits: Disegnare il Sacro - Rubbettino
Products
Biciclette: 10 accessori di design sotto l'albero
News
Una sala da cinema come opportunità di vita
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi