Piano cottura vetroceramica Neff
Kit cottura vapore Neff
Il termostato dei forni Neff, 1955
A sinistra, cucina Neff, 1949; a destra, il primo forno Neff con termostato, 1955
A sinistra, il primo bruciatore a gas Neff, 1919. A destra, cucina Neff, 1920
Due campagne pubblicitarie, rispettivamente del 1974 e del 1990
Storytelling

Neff, centoquarant’anni e non sentirli

«Centoquarant'anni è un’età che pochi marchi possono vantare. Neff è un brand sempre più vivo e vicino a chi ha la passione per il cibo e ama condividerlo», racconta Giorgio Marazzi, amministratore delegato del marchio di elettrodomestici da incasso made in Germany.

Centoquarant'anni tra cambiamenti sociali, politici e tecnologici che hanno influenzato il modo di progettare l’ambiente cucina. Centroquarant’anni che Neff ha voluto celebrare con un menù ispirato a un viaggio in cucina attraverso le 14 decadi di attività del brand, declinandole in altrettante ricette.

Quella di Neff è una storia lunga, cominciata nel lontano 1877, quando in una cittadina del Baden-Württemberg Carl Neff e sei compagni creavano la prima officina del marchio. Con un passato da fabbro e imprenditore poi, Carl Neff aveva un buon fiuto nel prevedere le necessità dei clienti. Così l’azienda tedesca muove i primi passi nel mondo della cucina e sviluppa un forno per aiutare le pasticcerie a soddisfare la crescente domanda. Nuovi modelli si susseguono. Fino al 1919, quando realizza il primo forno a gas brevettato proprio per le pasticcerie, che va a sostituire le inquinanti stufe a carbone.

Dall’avvio dell’impresa nel frattempo sono cambiate tante cose. Il testimone passa ad Alfred Neff, figlio del fondatore, che eredita dal padre l'intera azienda durante la guerra seguendone le orme. In primis ampliando l’offerta ed esordendo nel settore della refrigerazione e nella categoria delle lavatrici. E poi arrivano il forno a induzione, il microonde, la stufa Arcus e i termostati in tutti i forni targati Neff, negli anni Cinquanta; i primi apparecchi a incasso per risparmiare spazio, negli anni Sessanta, e l’illuminazione interna, negli anni Ottanta.

Gli anni Novanta testimoniano che qualcosa è cambiato, la cucina Neff smette di essere puramente funzionale: sui forni compaiono i display digitali cromati tipici degli impianti audio. È un susseguirsi di elementi di perfezionamento per ottenere cotture omogenee, verdure croccanti, fino ad arrivare alle tecnologie più avanzate per cucinare a vapore.

Insomma, l’eredità di Neff è lunga, stratificata, ma c’è un sottile filo che lega passato e presente, come ricorda Stefano Rossi, responsabile della comunicazione: «La capacità di Neff è quella di raccontare storie, storie che nascono dall’intuizione».

Products
La limited edition di Peter Marino per Venini
News
Il design radicale in un film
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Elettrodomestici di design: un po

Elettrodomestici di design: un po' di novità

Da scoprire nel servizio fotografico di Thomas Albdorf, con il set design di Cameranesi & Pompili e la moda di Fabiana Fierotti
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini