Nike Joyride - particolare della suola
Nike Joyride
Nike Joyride - progetto
Nike Joyride - progetto
Nike Joyride - progetto
Storytelling

Nike lancia Joyride, la sneaker che evita l’affaticamento delle gambe

Quando si indossano le nuove Nike Joyride, la sensazione è quella di correre sulle bolle. Nate per ridurre l'affaticamento delle gambe durante la corsa, sono dotate di un sistema di ammortizzazione costituito da migliaia di microsfere TPE, un copolimero di plastica e gomma. Una tecnologia sviluppata da Nike appositamente per i runner: il sistema con le microsfere crea una soletta interna dinamica che si adatta al piede, assorbendo l'impatto delle corsa e mantenendo le gambe riposate. Abbiamo chiesto a Kylee Barton, Nike Global Sr. Footwear Product Director, di raccontarci com'è nata questa sneaker innovativa, disponibile dal 15 agosto a livello mondiale, che unisce tecnologia e design al servizio dei runner.

Qual è l'idea alla base delle nuove Nike Joyride? Avete fatto delle ricerche tra i runner?

Tutti gli atleti dicono che vorrebbero scarpe che facilitino la corsa. Se ci facciamo caso, in un parco con pista asfaltata vedremo un sentiero parallelo dove l'erba è stata consumata. Questo percorso è stato creato dai runner, poiché l'erba è decisamente più confortevole della pista asfaltata. È da questa intuizione che è partito il Nike's Sport Research Lab (NSRL) per dare alle gambe una "giornata libera" , facilitando l'esperienza di corsa. Il Nike Joyride Run Flyknit è stato progettato per fornire un'esperienza di corsa più facile e piacevole sia agli atleti esperti che ai principianti, migliorando l'assorbimento degli urti e garantendo un'ammortizzazione aggiuntiva.

Ci racconti il processo di creazione di queste sneaker? Quanto ci è voluto a realizzarle?

L'innovazione risiede nell'intersuola, che è stata sviluppata nell'arco di dieci anni. L'ispirazione viene dalla sensazione di camminare a piedi nudi nella sabbia: all'inizio, il nostro team aveva pensato a dei piccoli pallini che creassero una vestibilità personale, ma non erano la soluzione giusta. Trovare il materiale ad hoc è stato solo la prima sfida. Il team ha dovuto sperimentare 150 soluzioni per ottenere il materiale, il diametro e la forma perfetti per le microsfere, oltre a trovare una soluzione di contenimento per ospitarle. Alla fine, abbiamo progettato delle capsule separate che possono ospitare migliaia di microsfere, impedendo a queste ultime di spostarsi e causare disagio. Il tallone è dotato di più sfere per fornire un maggiore assorbimento dell'impatto, mentre le capsule rimanenti sono progettate per fornire stabilità, culminando con una capsula sviluppata per massimizzare il ritorno di energia dalla punta. In tutto questo, la sfida principale era offrire una sensazione che piacesse ai runner. Mentre progettiamo un prodotto scientificamente migliore, vogliamo assicurarci che, prima di tutto, i runner siano soddisfatti.

Come avete combinato il design delle Nike Joyride alle loro proprietà anti-fatica?

La tecnologia Nike Joyride è stata progettata per assorbire gli urti, creando un sistema di ammortizzazione che rendesse confortevole la corsa su brevi distanze. Il design va a supporto di questa funzione: la tomaia è stata progettata per essere aderente, traspirante ed elastica, ottimizzando il lavoro delle microsfere, mentre caratteristiche come il pannello in neoprene sui lati aggiungono stabilità.

Design e funzionalità: qual è il segreto di Nike per unirli?

Nike cerca sempre di superare i confini del design e dell'innovazione. Consideriamo l'innovazione come un catalizzatore per la creatività nel design, poiché quando creiamo una scarpa innovativa, spesso le sue qualità si traducono anche in un design completamente inedito.

Qual è l'obiettivo principale di Nike e come si inserisce Joyride in questa direzione?

Nike esiste per servire gli atleti e la sua missione è rendere i runner sempre migliori. Negli ultimi tre anni abbiamo mantenuto questa promessa aiutandoli a correre più velocemente con sneaker come la NEXT% e con Nike React. Pur essendo incredibilmente orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato, sappiamo che non tutte le corse sono finalizzate a vincere una gara. Per questo il nostro team si è concentrato su quattro pilastri – Strong, Fast, Long, Fresh – per sviluppare prodotti sempre migliori, capaci di offrire esperienze distinte. Crediamo che le nuove Nike Joyride si inseriscano in questo percorso, andando incontro agli obiettivi dei runner di tutto il mondo.