Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Storytelling

L’Opera House di Harbin attraverso la lente di Iwan Baan

Milano Design Film Festival

Harbin, nella Cina settentrionale, è la città che ospita l’Opera House, progettata di recente dallo studio di Pechino MAD Architects.

Questo edificio dalle linee sinuose è stato pensato per fondersi con la natura. Rivestito da sottili pannelli bianchi in alluminio l’Harbin Cultural Centre è composto da due volumi: il principale contiene l’Opera House, una sala concerti da 1.600 posti, e il secondo offre spazi per cinema, mostre ed eventi da 400 posti. 

Il clima gelido e la natura incontaminata della zona non hanno scoraggiato Iwan Baan che ha scelto di recarsi sul luogo nel picco della stagione invernale, con -30°C di temperatura, per cogliere il sapore autentico del luogo.

«Le immagini dovrebbero avere sempre una forte connessione con un luogo, un tempo e un contesto specifico», racconta la star della fotografia d’architettura e aggiunge «non ho mai cercato di creare immagini senza tempo che potrebbero essere state scattate in qualsiasi momento».

Un dietro le quinte del lavoro del fotografo olandese in un luogo così remoto e suggestivo è stato rilasciato dalla piattaforma digitale Nowness.

In questo breve documentario Iwan Baan spiega il potere della fotografia d’architettura, il suo processo per fotografare l’Opera House e racconta dello sforzo che fa per catturare l’attimo, cioè il momento attuale di un luogo invece di creare scenari eterni.

News
Devon&Devon apre il primo monomarca a Chicago
Places
Alla scoperta delle perle mid-century di Los Angeles
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto