Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Credits: Ph. Iwan Baan
Storytelling

L’Opera House di Harbin attraverso la lente di Iwan Baan

Milano Design Film Festival

Harbin, nella Cina settentrionale, è la città che ospita l’Opera House, progettata di recente dallo studio di Pechino MAD Architects.

Questo edificio dalle linee sinuose è stato pensato per fondersi con la natura. Rivestito da sottili pannelli bianchi in alluminio l’Harbin Cultural Centre è composto da due volumi: il principale contiene l’Opera House, una sala concerti da 1.600 posti, e il secondo offre spazi per cinema, mostre ed eventi da 400 posti. 

Il clima gelido e la natura incontaminata della zona non hanno scoraggiato Iwan Baan che ha scelto di recarsi sul luogo nel picco della stagione invernale, con -30°C di temperatura, per cogliere il sapore autentico del luogo.

«Le immagini dovrebbero avere sempre una forte connessione con un luogo, un tempo e un contesto specifico», racconta la star della fotografia d’architettura e aggiunge «non ho mai cercato di creare immagini senza tempo che potrebbero essere state scattate in qualsiasi momento».

Un dietro le quinte del lavoro del fotografo olandese in un luogo così remoto e suggestivo è stato rilasciato dalla piattaforma digitale Nowness.

In questo breve documentario Iwan Baan spiega il potere della fotografia d’architettura, il suo processo per fotografare l’Opera House e racconta dello sforzo che fa per catturare l’attimo, cioè il momento attuale di un luogo invece di creare scenari eterni.