Sunflower - Roberto Mango
Storytelling

Pezzi di Napoli

Qual è l'identità del design napoletano? E come farla conoscere al mondo? A chiederselo sono Giosy Camardella e Titti Gallucci, imprenditrici con un passato nell'ambito della comunicazione e del marketing. Nasce così Pezzi di Napoli, con l'idea di spalancare una finestra sulla creatività partenopea. Una finestra che suggerisce risposte alle domande iniziali, tratteggiando il profilo del design locale.

Il progetto è illuminante per la sua semplicità: una piattaforma online che raccoglie le eccellenze del design legato a Napoli. Non soltanto lavori realizzati da designer napoletani, ma anche manufatti che hanno tratto ispirazione dalla città. Accedendo al sito, è possibile scoprire oggetti, mobili e accessori, ma anche acquistarli.

Pezzi di Napoli si muove su due assi: il primo è dedicato alla riedizione di prodotti iconici del passato - come la celebre poltrona Sunflower di Roberto Mango - mentre il secondo si focalizza sulle nuove creazioni, come la chaise longue Intallium, realizzata dall'architetto Stefano Mango e dalla textile designer Stefania Ricci. Tra i prossimi prodotti in vendita c'è il paralume Barlumi, ideato dalla designer napoletana di origini tedesche Barbara Lambrecht e prodotto con i tessuti di Allegra Hicks, e Bubble, una linea di oggetti progettati in esclusiva per Pezzi di Napoli dalla designer Antonella Venezia, che si è ispirata all'infrangersi dei flutti sulla costa di Posillipo.

«Pezzi di Napoli nasce non soltanto dall'affetto che ci lega alla nostra città, ma anche dal fatto che esiste un volto di Napoli ancora troppo poco raccontato», raccontano Giosy e Titti. «Che è quello della creatività, in tutte le sue forme, e del design. Una fecondità artistica che ha contribuito moltissimo alla crescita del design italiano, e che rimane troppo spesso nell'ombra. C'è ancora una certa immagine stereotipata della città: il nostro progetto vuole scardinarla. A Napoli gravitano artigiani, designer e creativi che producono idee meravigliose impattando però con il sistema produttivo e distributivo. Noi vogliamo dare visibilità a queste persone, vogliamo che il mondo le conosca e che possa acquistare le loro creazioni».

Un progetto che ripercorre l'heritage del design napoletano rintracciandone archetipi e peculiatà, ma anche una vetrina per le nuove espressioni del design locale. Che si intreccia con l'artigianato, il lusso e l'arte. Ma soprattutto con il paesaggio circostante, fonte di ispirazione inesauribile. L'obiettivo è quello di diventare un forte propulsore per la produzione di design locale: alcuni prodotti, infatti, vengono realizzati appositamente per la piattaforma. 

Infine, Pezzi di Napoli offre una serie di itinerari segreti alla scoperta della Napoli creativa più autentica, tra spazi privati, case di artisti, atelier e sartorie storiche. Per scoprire dove pulsa il cuore artistico della città.

Una veduta di Napoli
intallium - Stefano Mango
Titti Gallucci e Giosy Camardella
La lampada Barlumi, ideata e realizzata dalla designer Barbara Lambrecht, rivestita con tessuto della textile designer Allegra Hicks.
Products
Rivestimenti tridimensionali firmati Cedit

Products
Regali di Natale 2018: le proposte di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento