La nuova edizione della sedia Oxford prodotta da Republic of Fritz Hansen
Storytelling

La riedizione della sedia Oxford di Arne Jacobsen

Alessandro Mitola

Republic of Fritz Hansen rende omaggio alla celebre sedia Oxford, progettata nel 1965 dal designer e architetto danese Arne Jacobsen.

Il progetto originale prevedeva una sedia pensata per gli accademici del St. Catherine College dell’Università di Oxford, contraddistinta da una silhouette elegante e diventata celebre grazie al suo schienale allungato ed ergonomico, simbolo di status e prestigio.

Oggi la sedia Oxford torna a nuova vita attraverso due diverse varianti: Classic e Premium, espressioni di un design rinnovato e contemporaneo, adatto agli spazi di lavoro e all’ambiente domestico.

La recente edizione smorza i toni, riducendo l’altezza dello schienale per un approccio moderno al mondo del lavoro. Il risultato è una seduta contemporanea declinata nell’edizione Classic, prodotta completamente in nero, e Premium, realizzata con un triplo strato di poliuretano espanso per garantisce maggior comfort. Il rivestimento di quest’ultima è disponibile sia in tessuto che in pelle, in un’ampia gamma cromatica.

«La nuova palette colore influisce sulla percezione della sedia, rendendola subitaneamente più moderna. Credo che il nostro intento di realizzare un design puro ed elegante sia stato raggiunto», ha annunciato Christian Andresen, Head of Design dell’azienda danese.

La nuova edizione della sedia Oxford, prodotta da Republic of Fritz Hansen
La nuova edizione della sedia Oxford, prodotta da Republic of Fritz Hansen
La nuova edizione della sedia Oxford, prodotta da Republic of Fritz Hansen
Il progetto originale della seduta Oxford, pensata per i professori del St. Catherine College dell’Università di Oxford
Products
Evoke F3, la radio con Spotify
News
B&B Italia inaugura un nuovo store monomarca a Tokyo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento