Alessandro Poli e Francesca De Giorgi, in arte Servomuto - Credits: Servomuto
Storytelling

Servomuto: a tutta luce

Francesca De Giorgi, architetto, e Alessandro Poli, graphic designer, meglio noti come Servomuto, lavorano insieme dal 2007.

Disegnano e producono lampade che nascono dal recupero di vecchi paralumi e applique che riportano a nuova vita grazie ad interventi grafici ed artistici e attraverso il riutilizzo dei tessuti più disparati: passamanerie, stoffe vintage, tende in velluto provenienti da palcoscenici di teatro, coperte militari. Le loro lampade nascono dall’innesto di sofisticata artigianalità, attenzione quasi maniacale al dettaglio e produzione industriale.

Li abbiamo incontrati pochi giorni dopo la Design Week, durante la quale hanno partecipato alla mostra collettiva Ladies & Gentlemen e presentato un’installazione che ha illuminato le vetrine della boutique dei Fratelli Rossetti a Milano ed in contemporanea a Parigi e New York.  

Come e perché avete scelto di diventare designer?

All’inizio della nostra collaborazione, io lavoravo come architetto e Alessandro come graphic designer, quello che ci ha uniti è stato un approccio ironico e provocatorio nel reinterpretare un oggetto classico come il paralume. Abbiamo messo in discussione  la moderazione dello ‘stile classico’ attraverso il nostro interesse per le sottoculture, l’immagine e la comunicazione visiva. Non immaginavamo di diventare designer e forse continuiamo a non avere questa inibizione.

Parliamo un po’ di icone del design. C’è un pezzo che ha, almeno all’inizio, influenzato la vostra ricerca e, se sì, in quale modo?

Possiamo dire di avere un’attrazione per gli oggetti, non necessariamente ‘firmati’, per i tessuti, sicuramente un attaccamento morboso ad alcuni materiali, quello che ci incuriosisce sono gli oggetti desueti, quelli che sono stati dimenticati perché è cambiato il modo di vivere, spesso sono oggetti che riportano l’attenzione ai gesti, specifici, che non abbiamo vissuto direttamente, questo ci colpisce.

Birds and butterflies - Credits: Servomuto
Rattan - Credits: Servomuto
Cement - Credits: Servomuto
Chalk - Credits: Servomuto
Guinea - Credits: Servomuto
Meringhe - Credits: Servomuto
Chandelier - Credits: Servomuto
Easy wall - Credits: Servomuto

Siete giovani, eppure siete considerati già da un po’ di tempo tra i designer emergenti più interessanti in giro. Quali sono gli elementi-chiave intorno ai quali si muove la vostra ricerca?

Forse proprio il fatto di non nascere come designer e quindi avere un approccio più aperto, che usa il disegno come supporto minimo per un’immagine evocativa che abbiamo negli occhi. Avere a disposizione un laboratorio che lavora con la luce e con i tessuti fa in modo che il progetto si muova principalmente intorno a questi due elementi e nasca per esaltarne le potenzialità.

Cosa rende, a vostro avviso, un progetto un successo commerciale?

La riconoscibilità e l’immaginario che un oggetto riesce ad evocare.

Una delle sfide di maggiore attualità per un designer è quella della compatibilità ecologica. Quanto è importante questo elemento nella vostra ricerca?

Possiamo definire il nostro design ecologico perché per intima natura entrambi non abbiamo il senso del materiale pregiato, allora spesso nei nostri progetti sono presenti tecniche di lavorazione antiche e sempre artigianali abbinate a materiali naturali, praticamente non trasformati; ci affascina la contraddizione tra delle provenienze, riuscire a rendere prezioso un tessuto attraverso una piegatura, questo per noi è ecologico, dare un valore ai materiali più comuni, non esibire il costo ma il principio.

Un’ultima curiosità: entriamo idealmente nella vostra casa o nel vostro studio, quali sono gli oggetti di design che vi accompagnano nella vostra vita quotidiana?

In questo momento siamo pieni di sedie in studio, forse abbiamo un po’ esagerato, io raccolgo oggetti per la cucina, strumenti, cesti e spesso cose di cui mi sfugge il senso più immediato, Ale colleziona soprammobili fuori moda oltre a sneakers e abbigliamento vintage, quindi designer più legati ad una moda, forse anch'essa desueta, in puro stile SERVOMUTO.

Storytelling
Alberto Casiraghy: artigiano, poeta, scenografo
Places
Salerno, il Terminal Marittimo firmato Zaha Hadid
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”