Storytelling

La storia della macchina fotografica in un cortometraggio

Un bellissimo cortometraggio animato sulla storia della macchina fotografica della durata di un minuto e qualche manciata di secondi.

Dal titolo A History of the Photo Camera, è prodotto dal graphic designer spagnolo Portero Delanter.

Si parte con la mitica Kodak Brownie del 1900 fino ad arrivare all’iPhone che ha rivoluzionato il modo di fare  fotografia. Naturalmente passando per fotocamere piccolo, medio e grande formato targate Leica, Rollei, Graflex, Agfa, Hasselblad, Polaroid, Pentax, Canon, Nikon e Panasonic.

Una carrellata di icone del design che hanno fatto la storia della fotografia, accompagnate dalle note jazz di Lee Morgan con The Sidewinder.

Buona visione.

 

Products
Oto: lo speaker in ceramica firmato KiBiSi
News
Torna La Statale Arte
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto