Credits: Code, la nuova cucina a isola disegnata da Michele Marcon per Snaidero
Credits: Genius Loci, la nuova cucina a isola di Valcucine
Credits: Genius Loci, la nuova cucina a isola di Valcucine
Credits: Code, la nuova cucina a isola disegnata da Michele Marcon per Snaidero
Credits: Mia, la nuova cucina a isola di Aran Cucine
Credits: Mia, la nuova cucina a isola di Aran Cucine
Storytelling

Tendenze: tornano le cucine a isola. Le tre più cool

Alessandro Mitola

Nel ultimi cinquanta anni la suddivisione degli ambienti domestici si è notevolmente ridotta, i confini tra soggiorno cucina e pranzo sono diminuiti progressivamente, fino a una completa dissoluzione. Tutto questo grazie allo stile di vita meno formale, che ha reso gli spazi più ospitali. Cucina e soggiorno dialogano in un ambiente open space, non solo per rispondere ai dettami volumetrici, ma soprattutto per creare calore e luminosità. In questo scenario, la cucina a isola è protagonista assoluta dello spazio abitativo.

Cucina come sinonimo di convivialità, qualità e culto della bellezza. Una tradizione italiana che l’azienda friulana Valcucine si impegna a raccontare con i suoi prodotti, pensati per accompagnare l’esperienza quotidiana in cucina, la sua gestualità e i suoi riti. Nuova arrivata in casa Valcucine è Genius Loci, una cucina a isola disegnata da Gabriele Centazzo che si rifà all’antico secretaire, dove il cassetto è protagonista assoluto. La fascia di cassetti integrata al piano di lavoro è declinata nelle versioni legno intarsiato e intagliato, marmo intarsiato e con finiture speciali in rame e bronzo anticato. Genius Loci è visibile presso lo shoowroom di Corso Giuseppe Garibaldi al numero 99 dove, per tutta la durata di EXPO 2015, sarà possibile visitare Tempting Art, un’installazione curata da Maurizio Galante & Tal Lancman che coinvolge 22 tra architetti, designer e creativi alle prese con il tema delle emozioni legate al cibo e alla convivialità

Code, la nuova cucina a isola disegnata da Michele Marcon per Snaidero, è un esempio di intelligenza ergonomica ispirato all’espressività del colore e alla naturale eleganza del legno. L’ambiente cucina si fonde con il living grazie a pareti attrezzate e composizioni freestanding: i moduli contenitori consentono di personalizzare gli spazi e rispondere alle diverse esigenze d’arredo. Code è una cucina versatile composta da alti pensili, armadi e ante che si aprono su capienti dispense e colonne che consentono di organizzare con rigore gli spazi e ospitare tutti gli strumenti necessari per la vita quotidiana.

Mia di Aran Cucine nasce per arredare gli ambienti e conferire eleganza all’ambiente domestico. È una cucina a isola lineare dallo stile moderno realizzata in melaminico, disponibile in diverse finiture lucide e opache, in legno e tranché, con una grande varietà di colori: bianco lucido, rovere scuro, grafite, ciliegio castiglia e frassino beige. Mia è segnata da un approccio progettuale dinamico e funzionale, dove la ricerca è basata sulle proporzioni, per individuare soluzioni d’arredo interamente customizzabili.



News
Il 9 luglio apre a Milano il Museo del Design 1880-1980
Products
In fibra di carbonio, la nuova bici si ispira al caccia F-117
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi