Wave, il divano disegnato da Zaha Hadid e prodotto da Edra nel 1988 - Credits: Edra
Wave, il divano disegnato da Zaha Hadid e prodotto da Edra nel 1988 - Credits: Edra
Un gioiello della collezione Lamellae, disegnata da Zaha Hadid per Georg Jensen - Credits: Georg Jensen
Credits: Georg Jensen
Storytelling

Zaha Hadid, la regina dell’imprevedibile

Giovedì 31 marzo è venuta a mancare Zaha Hadid, tra gli archistar più apprezzati al mondo.

Aveva in lei due anima: una matematica e una artistica. E le univa nelle sue architetture imprevedibili, fluide dove le tecnologie venivano sfruttate al massimo per realizzare le sue forme, mai scontate.

Ogni sua opera aveva il potere di stupire e di rendere il luogo, dove sorgeva, unico.

Laureata in matematica all’American University di Beirut, si era poi dedicata agli studi di architettura presso l’Architectural Association di Londra, diventando l’architetto che tutti conosciamo.

Ogni suo progetto ha la caratteristica di essere insolito: i pilastri dove l’architettura accademica li avrebbe posti verticali, sono obliqui; gli angoli scivolano in curve inaspettate; i corridoi e i passaggi si aprono su vetrate che sembrano tuffarsi nel paesaggio.

Nel design, aveva iniziato con Massimo Morozzi che l’aveva voluta per Edra. E lei aveva disegnato Wave, un divano composto da una struttura scultorea in vetroresina. Era il 1988. Da qui in avanti tutte le aziende la volevano e la cercavano: il suo segno inconfondibile iniziava a volare nell’immaginario di tutti.

Una volta aveva dichiarato: «Entrando in uno spazio architettonico le persone dovrebbero provare una sensazione di armonia, come se stessero in un paesaggio naturale». Un paesaggio fiabesco di quelli che immaginiamo da bambini. E che poi, una volta adulti dimentichiamo.

E poi c’era lei, a farcelo ricordare.

Storytelling
Mario Nanni e la poesia della Luce
Storytelling
Giorgio Biscaro, tra iconicità e innovazione
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale